Valle D'Aosta, percorso Monte Rosa Randò: un anello realizzato con la collaborazione del CAI Vérres

Lungo da 95 a 107 km (a seconda delle varianti), è percorribile in un numero di tappe compreso tra 5 e 8. Periodo consigliato da maggio a ottobre, ore di marcia complessive da 30 a 36.

Plan di Verraz

9 dicembre 2016 - Le premesse del progetto
Un gruppo di operatori turistici della Val d'Ayas ha ritenuto interessante progettare un itinerario escursionistico ad anello che coinvolga tutti i Comuni della vallata.
Coordinati dal Consorzio Val d'Ayas - Monte Rosa è stata effettuata una prima valutazione di fattibilità del percorso.
Successivamente l'idea è stata presentata al Consiglio dei Sindaci dell'Unité des Communes Valdôtaines Evançon che l'ha ritenuto valida e ha finanziato la parte di interesse generale.
Gli operatori turistici si sono preoccupati della parte di interesse privato.
Investire sull'escursionismo, specialmente per le mezze stagioni, può diventare molto interessante, l'ambiente è una ricchezza che abbiamo a disposizione senza grandi costi e rientra perfettamente nelle nuove strategie di turismo sostenibile.
Il progetto ha ottenuto la bandiera verde di Legambiente della Valle d'Aosta per l'anno 2016.

Caratteristiche generali del percorso
In Valle d'Aosta sono poche le vallate che hanno la possibilità di creare un itinerario ad anello di questo tipo, la Val d'Ayas lo consente. Percorrendo quote e versanti diversi si riesce a effettuare il percorso, almeno nella parte inferiore, per 9 mesi all'anno. La facilità del tracciato e la grande potenzialità di adeguarselo alle proprie esigenze permette a tutti di frequentarlo.
Monte Rosa Randò si svolge lungo la vallata e pertanto è anche possibile solo percorrerlo in parte e utilizzare i mezzi pubblici per tornare al punto di partenza. Da non perdere, il primo o l'ultimo giorno, la visita dei castelli e dei monumenti dei paesi del fondovalle.
Il percorso permette di visitare tutte le specificità della Val d'Ayas: dai castelli al principale "ru" (ruscelli per irrigare) della Valle d'Aosta, da ambienti di grande pregio ambientale alle miniere, bellissime mulattiere e spettacolari panorami sul Monte Rosa.
In totale circa 95 km di lunghezza con oltre 4.000 metri di dislivello. Il percorso è fattibile normalmente in cinque giorni ma visto il numero elevato di strutture ricettive è possibile organizzarselo a piacere, chi lo farà in tre e chi in otto giorni.
Per chi volesse allungare la prima o l'ultima tappa sono previste due varianti.
Non si prevedono dei punti prestabiliti in cui dormire ma per ogni posto tappa è disponibile il tracciato che lo collega al percorso principale.
Su richiesta è anche possibile utilizzare il trasporto bagagli da un posto tappa al successivo.

Strumenti di informazione disponibili
La descrizione è molto dettagliata e si sono utilizzati gli strumenti che la tecnologia offre.
Tutto è ospitato sul sito di montagnavda da cui è possibile vedere tutti i contenuti e scaricare il materiale necessario.
La parte sicuramente più innovativa però è la APP.
La APP, disponibile sia per Iphone che per Android, permette di guidare l'escursionista sul percorso evidenziando anche tutti i punti di interesse che si incontrano.
Lo strumento ha una funzionalità specifica che permette di conoscere in qualsiasi punto del percorso dislivelli, lunghezze e tempi per raggiungere il termine della tappa.

I numeri del trekking

  • Numero di tappe: da 5 a 8
  • Periodo Consigliato: da maggio a ottobre
  • Luogo di partenza e arrivo: Verrès - piazzale della piscina
  • Ore di marcia totali: da 30 h a 36 h
  • Dislivello totale in salita: da 4.070 m a 4.700 m
  • Dislivello totale in discesa: da 4.070 m a 4.700 m
  • Lunghezza: da 95 a 107 km
  • Il punto più basso:  380 m
  • Il punto più alto: 2.380 m

I punti di interesse
Durante il trekking è possibile vedere molti punti di interesse: castelli, miniere, chiese, ru, dolmen, ponti, artigianato locale, ecc)
Tutti i punti di interesse sono georeferiti con descrizione e fotografia, ciò permette di avere tutte le informazioni anche direttamente sullo smartphone.

Gli operatori turistici aderenti
Ad oggi aderiscono al progetto 31 operatori turistici dei quattro comuni: Challand-Saint-Victor, Challand-Saint-Anselme, Brusson e Ayas.
Sono coinvolti principalmente operatori che offrono ricettività (dagli alberghi ai B&B) ma anche ristorazione e servizi.

I dettagli delle singole tappe
Tappa 1 Verrès - Ville (Challand-Saint-Victor)
6.2 km +590 m -95 m 2h30'
Questa prima tappa ha un primo tratto ripido che però, essendo quasi tutto nel bosco, si sale velocemente. Dal belvedere della croce di Saint-Gilles si può ammirare tutta la valle centrale e di fronte la caratteristica linea della vetta del Mont Avic, a picco sotto di noi l'abitato di Verrès. Altro punto caratteristico è il castello di Ville, uno dei più antichi della Valle d'Aosta, da cui lo sguardo spazia su tutta la bassa val d'Ayas. Nella parte finale ci avviciniamo alla Riserva naturale del Lago Ville ben visibile dal belvedere, una piccola deviazione sino al lago è consigliata.
Tappa 2  Ville (Challand-Saint-Victor) - La Torrettaz (Challand-Saint-Anselme)
12.9 km +900 m -645 m 4h30'
Diversi i motivi di interesse di questa giornata: i resti della tomba preistorica al col d'Arlaz, la chiesa di Sant'Anna e le miniere d'oro di Bechaz. Della tomba del col Arlaz purtroppo rimane solo più un lato con una pietra piantata nel terreno di quasi quattro metri di lunghezza. La chiesa di Sant'Anna è su un dosso che domina tutta la vallata. Alle miniere d'oro di Bechaz è stato creato un percorso circolare, arricchito di cartelli che illustrano i vari punti visibili.
Tappa 3 Torrettaz (Challand-Saint-Anselme) - Brusson
5.3 km +155 m -10 m 1h30'
Tappa molto corta che permette al termine di visitare il capoluogo di Brusson. Si percorre ancora il Ru d'Arlaz sino alla presa.
Tappa 4 Brusson - Antagnod (Ayas)    
10.1 km +675 m -0 m 3h20'
Questo è il giorno del Ru Courtod, questa impegnativa opera medioevale, lunga 30 km captava l'acqua alle pendici del Monte Rosa per irrigare i terreni alti della collina di Saint-Vincent. In quel periodo, particolarmente siccitoso si era ritenuto indispensabile la costruzione di questa opera che aveva richiesto ben 45 anni di lavori, a quei tempi chi costruiva sapeva di non poterne usufruire ma lo faceva per le generazioni future. La prima parte del ru percorre 14 gallerie ripristinate da poco, in alcuni tratti è anche possibile percorrere il fondo del vecchio ru. In salita, prima del Col di Joux, si passa nei pressi della fontana di Napoleone dove si racconta che, nel maggio del 1800, avesse chiacchierato con un ufficiale austriaco che non lo aveva riconosciuto.
Tappa 5 Antagnod (Ayas) - Champoluc (Ayas)    
24.8 km +550 m -955 m 6h40'
Oggi è il giorno del Monte Rosa che si avvicinerà sempre di più, da alcuni punti del Ru Courtod la vista è magnifica, dal Pian di Verraz saremo ai suoi piedi. Il Ru Courtod nasce dal vallone delle Cime Bianche, un ambiente di grande pregio naturalistico in cui si possono vedere una delle poche zone della Valle d'Aosta con cime calcaree. Pian-de-Céré e Pian-de-Verraz sono indimenticabili. Arrivati a Champoluc da non perdere un pomeriggio al Centro Benessere.
Tappa 6 Champoluc (Ayas) - Brusson
13.5 km +445 m -665 m 4h20'
Tranquilla tappa di fondovalle, l'unica salita conduce a Salomon, stupendo villaggio sopra a Brusson da cui, da un belvedere attrezzato con binocolo, è possibile ammirare gran parte del percorso dei giorni precedenti. Molto bella anche la radura del villaggio di Servaz.
Tappa 7 Brusson - Isollaz (Challand-Saint-Victor)
16.9 km +580 m -1250 m 5h10'
Diversi punti interessanti per la tappa odierna: le miniere d'oro di Chamousira, lo stupendo castello di Graines e i ponti romani di Challand-Saint-Victor. Le miniere d'oro, previa prenotazione sono visitabili. Il castello di Graines, dove negli ultimi anni sono stati effettuati alcuni interventi di restauro, ci permette di vivere un ritorno in pieno medioevo. I due ponti romani (anche se sono di origine medioevale) sono situati in un luogo particolarmente piacevole. Il percorso, dopo un primo tratto molto ripido che conduce alle miniere, segue il fondo della valle con lunghi tratti pianeggianti.
Tappa 8 Isollaz (Challand-St-Victor) - Verrès
5.1 km +175 m -450 m 1h40'
Ormai il percorso è al termine, l'ultima tappa, molto corta ci condurrà a Verrès. Dopo aver costeggiato i vigneti di Challand-Saint-Victor si sale a Omens dove è possibile fare il pranzo di chiusura prima di scendere su Verrès. La bella mulattiera ci condurrà sino al castello di Verrès, d'obbligo la visita per poi scendere in paese e concludere il nostro tour che non dimenticheremo mai.

Le tappe sono indicative, alcune sono molto brevi e possono essere facilmente aggregate.

Variante  tappa 1  Verrès - Col Arlaz
9.9 km +900 m -250 m 3h30'
Nel caso avessimo a disposizione tutta la prima giornata è interessante percorrere questa variante che segue la Via Francigena sino alla chiesa di Montjovet per poi salire sino al Col d'Arlaz dove si ricongiunge all'itinerario principale. La parte alta della salita è allietata dalla vista del Mont Avic che domina sullo sfondo. Appena prima di raggiungere il colle è visibile Il mulino di Arlaz ristrutturato negli ultimi anni.
Variante tappa 8 Isollaz (Challand-Saint-Victor) - Verrès
14.9 km +790 m -1170 m 5h20'
Se l'ultimo giorno abbiamo la giornata disponibile questa variante ci permette di visitare quelle che vengono chiamate le "traverse di Arnad", territori ripidi ma molto abitati nel passato. La salita non è particolarmente lunga ma poi in discesa potremo visitare diversi piccoli villaggi scendendo a picco su Arnad con una bella vista sul Forte di Bard. Da Arnad si seguirà la Via Francigena che ci riporterà all'auto.

Gli strumenti disponibili
Monte Rosa Rando' è presente sulla piattaforma di Montagnavda che ha l'obiettivo di offrire al frequentatore della montagna la massima qualità (sia dei contenuti che degli strumenti tecnologici) sull'escursionismo in Valle d'Aosta.
Qualità dei contenuti:

  • Descrizioni molto dettagliate dei percorsi
  • Profili altimetrici
  • Galleria fotografica con 10 - 15 fotografie per ogni tappa
  • Tracciati cartografici per GPS e in formato Google Earth

Sito internet www.montagnavda.it
Il sito contiene tutte le informazioni utili per conoscere e percorrere al meglio il trekking.

  • Tutte le informazioni sugli itinerari
  • Cartografia navigabile con la visura dei tracciati su mappe o ortofoto
  • Galleria fotografica
  • Tracciati .kml e .gpx da scaricare
  • Condizioni di percorribilità neve della singola tappa
  • Punti di interesse del patrimonio (storico e ambientale)
  • Servizi turistici

APP per smartphone

  • La APP contiene le stesse informazioni del sito con le seguenti funzionalità:
  • Scarico della cartografia di base in locale
  • Visura del tracciato con i punti importanti e di interesse
  • Registrazione traccia e navigazione assistita
  • Dati di posizionamento utili all'escursionista (altitudine, località, ore di cammino, dislivelli, lunghezze) per raggiungere la meta
  • Pubblicazione di post con immagini
  • ricercare sugli store montagnavda

Pagina Facebook montagnavda
Aggiornata quotidianamente con immagini e notizie sulla montagna in Valle d'Aosta.
Youtube
Sono disponibili sul canale Youtube di montagnavda tre video di presentazione.
Cartina
E' disponibile una cartina 1:50.000 con l'itinerario (L'escursionista editore)
www.escursionistaeditore.com

Segnala questo articolo su:


Torna indietro