Valle D'Aosta, crollo di una cascata di ghiaccio, 4 morti e una donna ferita

"Ci sono stati alcuni rialzi termici che potrebbero aver indebolito la struttura del ghiaccio", afferma Adriano Favre, Direttore del Soccorso alpino valdostano

La cascata di Gressoney

16 febbraio 2017 - Quattro scalatori, tutti italiani, sono morti a seguito del crollo della cascata di ghiaccio a Gressoney-Saint-Jean. Le vittime stavano effettuando una salita quando una parte della parete ghiacciata si è staccata dalla roccia, forse a causa di un improvviso rialzo termico. C'è anche un ferito: è una donna, ed è l'unica persona sopravissuta. Tra le 4 vittime ci sono alcuni liguri, residenti nella provincia di La Spezia. In un incidente simile, avvenuto in contemporanea in Francia, sono morti due alpinisti inglesi.

"E' difficile individuare con precisione la causa - spiega all'Ansa Adriano Favre, direttore del Soccorso alpino valdostano - in questi giorni le temperature in Valle d'Aosta sono abbastanza rigide, ma ieri ci sono stati alcuni rialzi che potrebbero aver indebolito la struttura del ghiaccio con l'arrivo del sole". A staccarsi dalla roccia è stata la parte intermedia della enorme parete di ghiaccio, proprio dove si trovavano le quattro vittime.

Due morti in un incidente simile in Francia: la caduta (in questo caso le vittime sono inglesi) si è verificata in Francia nella zona di La Grave, non lontano da Grenoble, quasi in contemporanea con la tragedia di Gressoney-Saint-Jean. Lo riferisce l'edizione online del quotidiano Dauphiné Libéré.

Fonte: Ansa

Segnala questo articolo su:


Torna indietro