Una giornata di orienteering a Cortina per i giovanissimi delle Sezioni CAI di Conegliano, Calalzo, Domegge e Pieve di Cadore.

Domenica 29 maggio 2016 trentacinque giovanissimi delle quattro sezioni hanno partecipato a "Orienta 40", in una giornata che ha alternato giochi indoor e outdoor, per abbinare alla lettura della carta le osservazioni storiche e di carattere culturale.

I ragazzi pronti alla partenza

"Orienta 40" è una manifestazione svoltasi nel 40° anniversario dell’arrivo dell’orienteering nel bellunese, appositamente pensata per i ragazzi dell’Alpinismo Giovanile. Si è tenuta a Cortina d’Ampezzo il 29 maggio 2016 e ha visto la partecipazione di 35 ragazzi delle Sezioni CAI di Conegliano, Calalzo, Domegge e Pieve di Cadore.

L’orienteering è un’attività alla portata di tutti: grazie alla mappa e alla bussola si possono osservare angoli meravigliosi della natura e del territorio. E muoversi nell’ambiente è sempre un'esperienza preziosa. L’organizzazione dell'evento è stata praticamente perfetta, in grado di adattare con flessibilità i programmi al meteo che ha fatto le bizze!

I ragazzi hanno alternato giochi indoor e outdoor. L’esperienza dell’orienteering fotografico a Cortina d'Ampezzo è stata l’occasione per abbinare alla lettura della carta topografica le osservazioni storiche e di carattere culturale. Una conoscenza della località ampezzana che meriterebbe di essere proposta anche ai turisti attraverso il gioco dell’orienteering.

Abbiamo visto i partecipanti delle quattro sezioni CAI contenti, pronti a collaborare tra loro nelle varie attività che sono state loro proposte. I ragazzi si sono divertiti, lo si è potuto riscontrare anche dalle loro opinioni espresse durante il viaggio di ritorno. Gli accompagnatori di Alpinismo Giovanile hanno partecipato con vivo entusiasmo, potendo prendere spunto per nuove attività ed iniziative da portare all’interno dei gruppi sezionali e intersezionali.

La manifestazione si è potuta svolgere grazie all'iniziativa di Marco Rosa dell'Associazione Amici di Vladimir Pacl e alla collaborazione del Comune di Cortina d'Ampezzo che ha messo a disposizione le strutture scolastiche.

Nel mondo del CAI, Vladimir Pacl tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '90 si è mosso in tutta Italia, organizzando tantissime iniziative di orienteering, trekking, sci fondo, sci fondo escursionismo, passeggiate con ciaspole. Vladimir ha voluto tanto bene al CAI. Ne sono la testimonianza i documenti che l’associazione sta raccogliendo per scrivere un libro su di lui e su quanto egli ha promosso in tante località.

Associazione Amici di Vladimir Pacl

Segnala questo articolo su:


Torna indietro