Terremoto in Nepal: «due italiani morti sotto una frana»

Renzo B. e Marco P. hanno perso la vita sabato 25 aprile mentre erano impegnati in un trekking nella Rolwaling Valley.

La valanga del 25 aprile (Foto Afp)

Due italiani, Renzo B. e Marco P. sono morti sabato 25 aprile in Nepal, travolti da una frana staccatasi dalla montagna mentre erano impegnati a 3.500 metri di quota in un trekking nella Rolwaling Valley.
Lo hanno riferito all'ANSA due loro compagni di spedizione che si trovano oggi a Kathmandu.

«Abbiamo visto la morte in faccia», ha raccontato l'alpinista Mario Vielmo, uno dei cinque italiani che hanno raggiunto il laboratorio Piramide dell'associazione Ev-K2-Cnr, che si trova a 5.050 metri di quota sul versante nepalese dell'Everest. La testimonianza è stata raccolta con una registrazione audio della stessa associazione.

Con Vielmo, di Lonigo (Vicenza) si trovano nel laboratorio Piramide altri quattro alpinisti italiani: Claudio Tessarolo e Annalisa Fioretti, entrambi di Vicenza, Sebastiano Valentini di Canazei (Trento) e Marco Sala, di Borca di Cadore (Belluno). «Stiamo tutti bene, per nostra fortuna - ha detto Vielmo - ci è andata veramente bene, siamo stati graziati. Lo posso dire perchè abbiamo visto la morte in faccia».

Fonte: Il Messaggero

Segnala questo articolo su:


Torna indietro