Terni festeggia il 150° del CAI

La Sezione ternana dà appuntamento a piazza della Repubblica dal 7 al 9 giugno. Inoltre trekking ed escursioni per tutte le età

Un'escursione del CAI Terni

Per il 150° del CAI la Sezione del CAI di Terni, intitolata a Stefano Zavka, alpinista ternano scomparso nel 2007 dopo aver raggiunto la vetta del K2, ha organizzato in collaborazione con la Biblioteca Comunale e con il Comune di Terni patrocinante insieme alla Regione Umbria e la Provincia di Terni, una serie di iniziative ad ampio contenuto culturale, didattico e tecnico.

L’appuntamento è a Piazza della Repubblica dal 7 al 9 giugno 2013 per condividere le esperienze della sezione con la cittadinanza, attraverso fotografie, video e testimonianze dirette; si mostreranno i vari ambienti montani del territorio,  invitando le persone alla loro frequentazione e conoscenza, con brevi escursioni dedicate e si spiegherà come il rapporto con il territorio nei 70 anni di storia della sezione non sia cambiato, pur utilizzando materiali e tecniche diverse da allora.

Sarà poi la volta dei progetti realizzati  dalla sezione ternana: “Il Trekking del Nera”, un percorso escursionistico di 113 km dalla foce alle sorgenti del fiume cittadino; “La Montagna per Tutti”, ambizioso progetto realizzato con l’Associazione “Stefano Zavka”, l’Associazione Vita Indipendente Umbria e il Centro per l’Autonomie di Terni che ha lo scopo di permettere a persone diversamente abili la frequentazione dell’ambiente montano con l’ausilio di una speciale portantina monoruota, la joelette; “Adotta un Parco”, progetto realizzato con il CAI regionale e la Regione Umbria rivolto al monitoraggio e manutenzione della rete sentieristica dei parchi regionali; “Il CAI e le scuole”, attività con le scuole cittadine.

La fattiva macchina organizzativa della sezione ha creato per l’occasione una piccola “cittadella della montagna” all’interno di Piazza della Repubblica con strutture mobili (gazebo) che faranno da contorno ad un'area centrale aperta dove i ragazzi potranno provare l’emozione della dimensione verticale ed ipogea grazie alla parete artificiale di arrampicata e “l’anaconda” , una grotta artificiale didattica appositamente montate per l’intera durata della manifestazione.

In allegato il programma

Segnala questo articolo su:


Torna indietro