CAI Reggio Emilia, sui Pirenei con le foto di Giuseppe Cavalchi

Per i "Giovedì del Cai" Giuseppe Cavalchi presenterà il 12 marzo presso la sede del CAI di Reggio Emilia "Pirenei spagnoli, sentieri tra roccia ed acqua"

I Pirenei ph: wikipedia

"Sentieri di roccia e di acqua perché il tutto vuole essere un racconto per immagini dei due elementi salienti che mi hanno accompagnato nel corso delle mie escursioni nei Pirenei. Le immagini- spiega Giuseppe Cavalchi - si riferiscono a due momenti distinti, anche se le zone sono le stesse. Un primo trekking fatto qualche anno fa di circa 20 giorni con mia moglie, io e lei in tenda, e una seconda parte di qualche giorno fatta quest’estate con i miei figli. Tutto il percorso si svolge lungo il GR 11: questo lunghissimo trekking di circa 800 km unisce la costa mediterranea partendo da Cabo de Creus sino a Cabo Higer sulla costa atlantica. Questo percorso è il fratello del GR 10 che corre invece sul lato francese da Banlyus de la Marenda a Hendata".

Le immagini raccontano il pezzo centrale partendo dal Cirque de Gavarnie nei Pirenei francesi, elemento rappresentativo dei due elementi dominanti, roccia perché è un meraviglioso circo glaciale con pareti alte sino a 1.500 metri ed acqua perché proprio lì c’è una meravigliosa cascata con un salto di ben 422 m., che è la cascata più alta d’Europa. Camminando da ovest verso est, tra valli glaciali, laghi, ruscelli, fiori, cengie attraversando il "Parque Nacional de Ordesa y Monte Perdido" il viaggio si conclude nel "Parque Nacional de Aigüestortes i Estany de Sant Maurici", vero simbolo ed elogio all’acqua. In questo parco si possono contare oltre 270 laghi dalle forme più strane e singolari, dal colore cristallino e in alcuni casi circondati da sponde sabbiose e bianche.

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro