Siamo vicini al Fai per la grave perdita di Giulia Maria Crespi

Il suo amore per la bellezza e impegno concreto resteranno un insegnamento per tutti. Cai e Fai continueranno a collaborare, ciascuno con la propria specifica identità, per la tutela dell'ambiente, del paesaggio e delle bellezze del nostro Paese

20 luglio 2020 - Il Presidente generale, il Comitato direttivo centrale e tutti i soci del Club alpino italiano esprimono la propria vicinanza ai familiari di Giulia Maria Crespi, al presidente Andrea Carandini, al vice presidente Marco Magnifico e a tutti i soci del Fondo ambientale italiano per la dolorosa perdita che li ha colpiti.

Giulia Maria Crespi è stata una donna di grande spessore culturale e lungimiranza "la cui visione - afferma il presidente del Cai Vincenzo Torti - ha dato vita al Fai che si colloca a pieno titolo in prima fila tra quanti tutelano e valorizzano concretamente la bellezza e la cultura che rendono unico il nostro Paese."

L'amore per la bellezza e l'impegno concreto della fondatrice del Fondo ambientale italiano restano un insegnamento per tutti gli italiani.

Club alpino italiano e Fondo ambientale italiano, ciascuno con la propria specifica identità, continueranno a collaborare là dove servirà agire per la tutela dell'ambiente, del paesaggio e delle bellezze del nostro Paese.

Ufficio stampa Club Alpino Italiano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro