Si chiude Immaginando 27 con una serata sul riscaldamento climatico

La rassegna culturale del Cai Chivasso si è conclusa con Fabiano Ventura, il fotografo alpinista impegnato sul tema della salute dei ghiacciai

10 dicembre 2019 - Si è conclusa venerdì, con una serata sul riscaldamento climatico, la rassegna del Cai di Chivasso Immaginando 27, evento culturale che ha riscosso un notevole successo. Ospite dell'ultima serata Fabiano Ventura, fotografo alpinista, che sta portando a termine un ambizioso ed interessante progetto che, iniziato una decina di anni fa, intende verificare la stato di "salute" dei ghiacciai della Terra fotografando l'attuale situazione e confrontarla con gli scatti storici di fine '800 ed inizio del '900, in particolare con le foto che Vittorio Sella scattò durante le sue spedizioni in Caucaso, Karakorum, Himalaya e sulle Alpi o anche quelle di Padre DeAgostini in Patagonia.

Veramente impressionante e visivamente percepibile il confronto tra le immagini che mettono in risalto quanto i ghiacciai in un secolo e a volte anche meno si siano ridotti in estensione ed altezza. Sorprendenti alcune vallate del Caucaso che nel giro di 100 anni si sono trasformate da glaciali a boschive. A determinare questo arretramento dei ghiacciai contribuisce anche sicuramente l'immissione di CO2 nell'atmosfera, con variazioni negative sull'effetto serra dell'atmosfera e conseguente innalzamento dei mari. Ventura senza fare troppo allarmismo, ma analizzando oggettivamente il fenomeno ha spiegato, che si potrà incidere positivamente utilizzando fonti energetiche rinnovabili, preferendo il gas metano meno inquinante degli altri combustibili fossili, riducendo la deforestazione del pianeta.

Questo progetto di studio e rilievo fotografico vedrà la conclusione proprio nel 2020 quando saranno i ghiacciai dell'arco alpino ad essere studiati e fotografati. E il Politecnico di Torino collaborerà al progetto come confermato dal professor Alberto Cina del dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente e del Territorio presente alla serata. Al termine Elisa Vanin, curatrice della rassegna con Gianbattista Aimino, ha ringraziato gli ospiti ed il pubblico presente attento e partecipe con domande e curiosità, ed ha annunciato che si sta già lavorando per l'edizione 28 di Immaginando.

La Sezione di Chivasso del CAI, che si sta avviando ai 100 anni di presenza in città, oltre a questi eventi culturali rivolti a tutti, organizza durante l'anno per i propri associati - circa 1300 - le attività pratiche in montagna: escursionismo estivo ed invernale, alpinismo, scialpinismo, arrampicata e altro... Per avere informazioni è possibile rivolgersi nella sede di via del Castello 8 aperta il venerdì sera ed il sabato mattina o più semplicemente consultando il sito internet o la pagina Facebook.

Cai Chivasso

Segnala questo articolo su:


Torna indietro