Sezione chiusa. Si spalanca il cuore e la generosità in Sardegna

Il Cai Nuoro partecipa alla raccolta fondi per l'ospedale San Francesco con 500 euro. Attraverso la call di solidarietà saranno donati 400 caschi e 5000 mascherine.

6 aprile 2020 - Sezione Cai Nuoro chiusa. Soci e dirigenti a casa. Non si arresta però lo slancio di generosità. Dopo un rapido consulto telefonico tra componenti il Consiglio Direttivo, la sezione ha donato 500 euro all’Ospedale San Francesco di Nuoro. Si è subito attivata la tesoriera Lidia Sanna a fare il versamento sull’Iban dedicato.

Il Cai Nuoro è tra 3900 donatori che hanno consentito la raccolta di circa 250.000 euro in pochi giorni. Pronti per la struttura sanitaria 400 caschi e 5000 mascherine. La piattaforma digitale “gofundme”, attivata dal San Francesco è stata inondata di gesti di solidarietà che in queste settimane stanno caratterizzando anche le aree più interne della Sardegna.  La scelta del Cai si è unita ad altre associazioni, a liberi professionisti, a squadre sportive, a comitati della leva, molto diffusi nei piccoli centri di Barbagia, a pastori delle campagne e a tanti emigrati in varie parti d’Italia e d’Europa. Le donazioni che non si sono fermate, porteranno all’ospedale, dichiarato dalla Regione, centro Covid, macchinari e presidi sanitari per combattere alla radice il diffondersi del Virus.

I 400 caschi, leggeri e facilmente utilizzabili,  permettono la ventilazione artificiale non invasiva a pazienti con difficoltà espiratorie, non così gravi da richiedere il ricovero in terapia intensiva. A questo si aggiungono 200 caschi per la ventilazione continua e progressiva, con modalità non invasiva, su pazienti più gravi. Cosi come quattro ventilatori polmonari e dispositivi di protezione individuale. Una boccata d’ossigeno per la struttura sanitaria che a Nuoro accoglie pazienti di tutto il centro  dell’Isola, dalla costa Ogliastrina alla costa di Bosa. Insomma tutta l’area di pertinenza del Cai-Nuoro.  Condivisione dei soci e adesione della sezione gemmata Cai Ogliastra, il cui presidente Giacinto Staffa è medico anestesista, in prima linea all’ospedale di Lanusei. Dalla sua postazione di lavoro, in questi giorni drammatici, trasmette ai soci tanta voglia di resistere e tanta speranza.

Matteo Marteddu, presidente Cai Nuoro

Segnala questo articolo su:


Torna indietro