Sea chiama, gli amanti della montagna rispondono da tutta Italia

Oltre 200 persone hanno partecipato, sabato 9 e domenica 10 settembre 2017, alla prima edizione del raduno “Val Grande in Verticale”, tra incontri, arrampicate ed escursioni. Hanno organizzato CAI Torino e Gruppo Rocciatori Val di Sea.

Un momento del raduno

11 settembre 2017 - Sono stati più di 200 i partecipanti e ben 140 gli iscritti alla prima edizione del raduno “Val Grande in Verticale”, una due giorni alla ri-scoperta del Vallone di Sea e della Val Grande di Lanzo voluta e organizzata dal Gruppo Rocciatori Val di Sea e dal CAI Torino.

I primi climber, molti dei quali Accademici del CAI, hanno approcciato le pareti della Val Grande fin dalla mattina del sabato, nonostante il brutto tempo, riscoprendo falesie recentemente pulite e riattrezzate come Le Gare e il nuovo sito presso il Rifugio Daviso.
Durante la serata di sabato poi, oltre 120 persone hanno affollato il palazzetto dello sport di Chialamberto in occasione del saluto del presidente del CAI Torino, Roberto Ferrero, e dell’incontro con il testimonial d’eccezione dell’evento, Sergio Martini: settimo uomo al mondo e secondo italiano dopo Reinhold Messner ad aver scalato tutte le quattordici vette superiori agli 8000 metri.

Una valle dimenticata…
“Per oltre 25 anni il Vallone di Sea, e in generale la Val Grande di Lanzo, sono stati pressoché dimenticati dai climber e dagli amanti della montagna...”, sottolinea Matteo Enrico del Gruppo Rocciatori Val di Sea durante la conferenza stampa di sabato, ”...e questo nonostante in valle siano presenti oltre 700 vie di arrampicata su ottimo granito e una rete sentieristica di tutto rispetto in uno degli angoli più belli e selvaggi del Piemonte”.
“L’idea di un Raduno per far conoscere a un più ampio pubblico di appassionati i tesori del Vallone di Sea è stata concepita da un gruppo di scalatori presente sul territorio” continua Roberto Ferrero, presidente della sezione torinese. “Il CAI Torino è stato subito informato dell’iniziativa e si è semplicemente messo a disposizione con la propria esperienza culturale e pratica per assicurarne il buon fine”.

Il supporto dei “locals” e degli sponsor
Domenica mattina il meteo favorevole ha permesso l’ottima affluenza di climber ed escursionisti da tutta Italia. Anche quelli ignari dell’evento in corso, inoltre, si sono iscritti con entusiasmo appoggiando la causa del rilancio di questa Valle.
Dopo una giornata di scalate ed escursioni, sia libere sia organizzate dalla Scuola Nazionale di Alpisnimo Giusto Gervasutti e dal CAI Venaria, la festa si è conclusa con una cena conviviale accompagnata dalla consegna dei ricchi gadget raduno, omaggiati dai numerosi sponsor e degli esercizi commerciali della Valle.

…il raduno continua?
“Il successo indiscutibile ottenuto è testimoniato dalla numerosa partecipazione di escursionisti, climber, boulderisti e addirittura amanti del parapendio, coronando così l’impegno profuso. Tale successo forse permette di pensare ad un evento con cadenza annuale, a celebrazione del Progetto incentrato sulla diffusione della conoscenza di itinerari escursionistici e scalate nella Valle Grande. Il CAI Torino c’è e ringrazia il Team degli Organizzatori, la Regione Piemonte, le Amministrazioni Comunali coinvolte, tutti gli Sponsor, il relatore Sergio Martini e coloro che hanno partecipato alla Edizione numero Zero dell’evento” conclude Ferrero.

Scarica il manuale gratuito con le vie e i sentieri della Val Grande di Lanzo.

Comunicato CAI Torino

Segnala questo articolo su:


Torna indietro