Riserve Naturali Regionali “Punta dell'Acquabella” e “Ripari di Giobbe”: stipulata intesa tra CAI Ortona e Comune

La Sezione gestirà le riserve insieme al WWF di area frentana e teatina e all'Istituto Abruzzese per le Aree Protette per promuovere conservazione e fruizione.

I firmatari dell'Intesa

14 dicembre 2017 - Martedì 12 dicembre presso il comune di Ortona la sezione locale del CAI insieme al WWF zona frentana e costa teatina e l'Istituto Abruzzese per le Aree Protette hanno firmato un protocollo d'intesa per l'avvio e la gestione delle due Riserve Naturali Regionali “Punta dell'Acquabella” e “Ripari di Giobbe”, che gravitano nell'area comunale.

Alla firma dell'accordo era presente il past-president della sezione di Ortona nonché VicePresidente regionale per il CAI Abruzzo Francesco Sulpizio in rappresentanza della Presidente di Sez. Patrizia Dragone.
Si tratta di un grande riconoscimento per le attività svolte sul territorio dalla sezione CAI di Ortona che ha sempre lavorato per la conservazione, la fruizione e la promozione di queste due aree protette oltre ad essere responsabile e gestore di un piccolo giardino botanico di proprietà comunale chiamato in città “Giardino inglese”.

Le due aree protette poste la prima a sud e la seconda a nord della città e del porto sono sicuramente tra i più bei tratti di costa abruzzese a cui la sezione di Ortona dedica ogni anno un evento in collaborazione alla Lega Navale locale intitolato “A piedi, in treno,in barca lungo la costa dei trabocchi”, dimostrando che è possibile muoversi dalla propria città in maniera sostenibile utilizzando la forza delle gambe, il treno e il vento per gli spostamenti in mare, da dove è possibile una visuale diversa delle nostre montagne d'Abruzzo.

Patrizia Dragone
Presidente della sez CAI di Ortona

Segnala questo articolo su:


Torna indietro