Realizzata la prima via ferrata in Kosovo

All'iniziativa hanno contribuito significativamente anche la SAT e ATB-Associazione Trentino per i Balcani

Foto della consegna del chiodo della Via Ferrata

Dopo un lavoro appassionato e coinvolgente è stata aperta ufficialmente all’inizio di questo autunno la Via Ferrata “ARI.
La via ferrata si trova all'imbocco della Val Rugova, alla periferia della città di Peja/Peč nell'ovest del Kosovo, il piccolo stato balcanico teatro di un conflitto avvenuto fra il 1996-99 e di cui sono presenti ancora le ferite.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza del Sindaco della Municipalità di Peja, seconda città del Kosovo, di varie autorità locali, dei responsabili della Associazione Trentina per i Balcani e di numerosi appassionati alpinisti

Questo avvenimento, oltre ad essere una “festa” per tutti gli alpinisti del Kosovo, ai quali viene messa a disposizione la prima Via ferrata del Kosovo, rappresenta anche il compimento di un lungo cammino iniziato della condivisione tra territori di saperi e pratiche, di valorizzazione del capitale sociale e la costruzione di processi sostenibili e solidali.

E’ stato possibile realizzare tutto ciò grazie ad un rapporto paritario tra vari partner:
- ATB/ Associazione Trentino con i Balcani-Trento;
- R.E. Ruguva Experience e Marimangat e Pejës - Rock climbing Association-Peja/Peč-Kosovo.
- S.A.T./Società degli Alpinisti Tridentini- Trento.
Ognuno vi ha contribuito con i propri associati, con le proprie competenze, con le proprie disponibilità economiche e/o di tempo.

La SAT, ha messo a disposizione, attraverso il coinvolgimento di volontari e personale tecnico, la sua lunga esperienza sia nella pianificazione e gestione della rete sentieristica e costruzione e manutenzione di vie ferrate sia nella valorizzazione del territorio attenti anche alla sua salvaguardia, e promuovendo un turismo sostenibile e rispettoso delle popolazioni che abitano la montagna.

Il progetto per la realizzazione della Via ferrata, preceduto da altre iniziative cui la SAT ha attivamente contribuito, come il corso di formazione per la pianificazione e segnaletica della rete escursionistica (2005), con la consulenza per la creazione di una rete di sentieri in Val Rugova (2010), e con il "Trekking di Pace" (2012) che ha lanciato a livello internazionale l'importante itinerario di trekking transfrontaliero fra Kossovo, Montenegro e Albania, fa ed è parte di un progetto più ampio che prevede il “Turismo” come Area importante di sviluppo sociale ed economico del territorio della Municipalità di Peja/Peč ed in particolare della Val Rugova.

All'idea del 2012 delle guide di Marimangat Pejës per realizzare la via ferrata, la S.A.T. ha risposto invitando in Trentino alcuni di loro a visitare alcune vie ferrate poi andando con il proprio personale tecnico assieme a loro in Val Rugova per individuare il luogo più adatto per costruire la via e infine fornendo la consulenza per l'approntamento dei materiali e i lavori ai quali hanno inoltre partecipato su incarico di ATB le Guide Alpine trentine Andrea Zanetti e Fabrizio Conforto.

Con la via Ferrata non finisce l’impegno S.A.T. : i suoi dirigenti ed il personale tecnico proseguono il lavoro di partnership con A.T.B./R.E./ Marimangat e Pejës.

Comunicato SAT

Segnala questo articolo su:


Torna indietro