Raccolta fondi “Il CAI per il Nepal”: aderiscono anche ERSAF e l'Associazione Italiana Canyoning

Le due nuove adesioni seguono quelle di CNSAS, Università della Montagna e Società speleologica italiana. Ecco l'Iban per versare fino al 30 giugno: IT76W0569601620000010354X93.

Effetti del terremoto nella regione di Solukhumbu

Anche ERSAF (Ente Regionale per i sevizi all'Agricoltura a alle Foreste delle Regione Lombardia) e l'Associazione Italiana Canyoning hanno aderito e sostengono la raccolta fondi “Il CAI per il Nepal”.

Esse seguono l'Università della Montagna, il Soccorso alpino e la Società speleologica italiana che avevano già dato il proprio sostegno in precedenza.

Il conto corrente RACCOLTA FONDI “IL CAI PER IL NEPAL” è aperto presso la Banca Popolare di Sondrio – Agenzia 21 di Milano - IBAN IT76W0569601620000010354X93. Si può versare entro il 30 giugno 2015.

L'obiettivo è di portare aiuti concreti alla popolazione nepalese, per questa ragione la destinazione del ricavato sarà decisa insieme alla NEPAL MOUNTAINEERING ASSOCIATION (N.M.A.), il club alpino nepalese. Alla N.M.A. sarà poi affidata la gestione in loco dei fondi raccolti.

"Il nostro impegno per la montagna lombarda non ci poteva lasciare indifferenti davanti alla tragedia che ha colpito le popolazioni nepalesi - ha dichiarato la presidente di ERSAF Elisabetta Parravicini - per cui sentiamo un dovere metterci al servizio di questa gente, insieme al CAI, con cui la collaborazione è familiare e consueta, a partire dalla convenzione che ci unisce da anni con il CAI lombardo".

Dal canto suo l'Associazione Italiana Canyoning fa sapere che “abbiamo aderito all'iniziativa Il CAI per il Nepal a rappresentanza delle intenzioni e delle richieste dei nostri soci di promuovere una raccolta fondi per il Nepal"

Per altri dettagli sull'iniziativa clicca qui.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro