Progetto “Guida Ecologica”: riparte l'attività del CAI Ravascletto con i bimbi delle scuole

Coinvolti una cinquantina di bambini della scuola primaria di Paularo per trasmettere loro consapevolezza e rispetto dell'ambiente in cui vivono. Il 10 febbraio 2018 hanno iniziato 13 alunni di terza con una giornata sulla neve a Lius.

La giornata con i bimbi di terza

22 febbraio 2018 - Con l'uscita di sabato 10 febbraio è ripartito il progetto "Guida Ecologica", una proposta didattico-educativa guidata dal maestro Marino Silverio e dedicata ai più piccoli, che da ben 15 anni vede coinvolte numerose realtà associative della Val d'Incarojo, nell'Alta Carnia.

Lezioni in classe e in ambiente, con interventi di esperti e le testimonianze di chi custodisce e tramanda antichi saperi, il progetto interessa ogni anno una cinquantina di bambini della scuola primaria di Paularo, che acquisiscono consapevolezza dell'ambiente e del territorio in cui vivono attraverso diverse attività ed esperienze, seguendo l'avvicendarsi delle stagioni e maturando gradualmente un atteggiamento rispettoso nei confronti del patrimonio naturale.

I volontari della sezione di Ravascletto, insieme al Corpo forestale regionale e ai volontari di altre realtà – CNSAS, Protezione Civile, associazione "Amici della Montagna di Paularo", Vigili del Fuoco e CRI tra gli altri – sono impegnati sul campo nell'iniziativa che negli ultimi anni è stata supportata anche dal Cai Friuli Venezia Giulia.

I tredici alunni di terza elementare, accompagnati dai loro insegnanti e dai volontari, hanno visitato la stazione di rilevamento dei dati nivo-meteorologici in località Lius, nel comune di Ligosullo, hanno provato ad usare ARTVA, sonda e pala, apprendendo principi di sicurezza e soccorso, per concludere l'esperienza con una camminata sulla neve alla scoperta dei diversi tipi di alberi e delle tracce lasciate dagli animali.

Nell'ambito dello stesso progetto sono in programma nelle prossime settimane altre uscite, su argomenti e itinerari più impegnativi, rivolte alle classi quarta e quinta.

Giuliana Tonut
Ufficio stampa CAI FVG

Segnala questo articolo su:


Torna indietro