Al via il Cuneo Montagna Festival 2015

Si parte il 28 maggio alle 17:30 con l'apertura ufficiale. Tra gli eventi in programma quattro serate di cinema al Monviso, un convegno sull'acqua e le Alpi e una mostra sui rifugi alpini; il festival si concluderà il 2 giugno

Sarà don Luigi Ciotti, fondatore di Libera e del Gruppo Abele, ad aprire il Cuneo Montagna Festival 2015. Giovedì 28 maggio, alle ore 17,30 al Cinema Monviso dialogherà su “Etica e montagna” con Annibale Salsa, antropologo, past president del Cai, e con il giornalista Gianni Martini, caporedattore della Stampa a Cuneo. Don Ciotti presenterà il suo libro “Salire per scendere” nel quale racconta il suo legame con le Terre Alte, a partire da Pieve di Cadore dove è nato, sino alle Alpi del Piemonte.

Sarà questo il primo atto del Festival, che si snoderà sino al 2 giugno a Cuneo e nelle vallate, tra incontri, concerti, dibattiti, presentazioni di libri, animazione per bambini e naturalmente tanto cinema. Tutto con “Equilibri” perfetti, come vuole il titolo dell’edizione promossa da Comune di Cuneo, Provincia di Cuneo e Uncem Piemonte, grazie al sostegno di fondazioni bancarie, Atl, Regione Piemonte, Consiglio regionale, Camera di Commercio, e alla partnership del Ministero dell’Ambiente e delle Politiche Agricole e forestali e di molte associazioni del territorio.

Fulcro dei sei giorni di eventi, il FestivalFilm al Cinema Monviso, curato dai registi Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino di Borgo San Dalmazzo. “L'equilibrio nel cinema – spiegano - sta spesso là tra l'attesa e l'azione, tra il silenzio e il frastuono, tra la luce e l'ombra, tra le cose dette e quelle non dette. L'equilibrio sta nei contenuti, nelle storie, nelle emozioni, è rimanere in bilico tra il passato e il presente, tra il lavoro e la famiglia, tra il dare e il ricevere, tra il fare e il dire.

Quando l'equilibrio nel cinema si concretizza, ecco che rimane facile farsi assorbire, rapire, catturare dalle storie che vanno via via sullo schermo”. Tanti i temi delle proiezioni preserali e dopo cena, tutte gratuite: dallo sviluppo sostenibile al lavoro, dalla tradizione e la resistenza all’educazione, fino a lupo, foreste, tutela dell’ambiente. Spazio anche per il divertimento e per i bambini con i film d’animazione proposti da Alessandro Anderloni.

Numerosi i convegni, aperti a tutti. Giovedì 28 alle ore 21, Annibale Salsa al Monviso condurrà i presenti in un viaggio tra i territori delle Alpi del Mare candidati al riconoscimento Unesco “Patrimonio dell’umanità”. Venerdì mattina alle 10, nel Salone d’onore del Municipio di Cuneo, con l’Associazione Alte Terre convegno su “Zootecnia e agricoltura di montagna”.

Nel pomeriggio di venerdì, alle 16 al centro incontri della Provincia, si parla di trasporti nelle Alpi, a partire dal “Libro bianco” per le regioni alpine, a cura di Iniziativa europea dei trasporti. “Montagne e motori, gioie o dolori?” il titolo del convegno promosso dal Cai di Cuneo, principale partner del Festival, d’intesa con Guide Alpine, Alpi del Sole, Unioni montane di Comuni, Cipra. Un’iniziativa per fare il punto su uso di eliski, motoslitte, fuoristrada nelle Terre Alte: confronto e dialogo prima di tutto.

Sabato 30 alle ore 10, nel municipio di Cuneo si terrà un convegno promosso da Uncem dal titolo "L'acqua e Alpi. Le sfide verso il 2020". Dall’idroelettrico al nuovo rapporto tra città e montagna, con la presentazione del Manifesto per la gestione delle risorse idriche nelle Terre Alte. Anche così Cuneo rilancia il suo legame sociale, culturale, economico, politico, istituzionale con le sue Valli. Un messaggio che emergerà chiaro dal Cuneo Montagna Festival 2015, come fortemente voluto dal sindaco della città Federico Borgna e dall’assessore alle Manifestazioni Paola Olivero.

In municipio a Cuneo sarà visitabile per tutta la durata del Festival e nella prima settimana di giugno la mostra dedicata ai rifugi alpini, curata da Luca Gibello, architetto, coordinatore dell’Associazione Rifugi d’Alta quota. Un viaggio nella storia di bivacchi e strutture, che verrà presentato domenica 31 maggio alle ore 18 nel Salone d’onore, alla presenza di Claudio Bonicco e Alice Lusso, presidente e vice dell’Ordine degli Architetti di Cuneo. Al Cdt sarà invece visitabile la mostra fotografica su sci e montagna.

L’editore Primalpe presenterà alcuni suoi libri, dedicati alla Valle Stura, alla Valle Maira, all’ornitologia nelle aree montane (venerdì e sabato, alle ore 16 nella sala del Cdt). Marzia Verona presenterà il suo libro “Pascolo vagante” venerdì 29 alle ore 19 nel Salone d’onore del Comune. Antonio De Rossi, architetto e docente del Politecnico di Torino, lunedì 1° giugno alle 17,30 nella sala del Cdt presenterà invece “La costruzione delle Alpi”, importante e acuta ricerca su due secoli e mezzo di vita e trasformazioni dell’arco alpino.

Due i concerti al Cuneo Montagna Festival. Sabato 30 maggio alle ore 21, nella Sala San Giovanni, si esibiranno la Corale La Baita e il Coro Cai Alberto Bonavita di Fossano. Grande conclusione del Festival in piazza Virginio, martedì 2 giugno alle 21, con la musica occitana de Lhi Balos e dei Lou Tapage.

Come nell’edizione 2014, il Festival si snoderà anche nelle vallate cuneesi. A partire da domenica 31 con la possibilità di visitare le due centrali idroelettriche della Maira Spa, ad Acceglio. Da sabato 30 a domenica 2 giugno, Ostana ospiterà il “Premio Ostana, scritture in lingua madre”. In Val Varaita, il 30 e il 31 maggio, c’è “Una valle che risuona” con diversi spettacoli offerti dal Conservatorio Ghedini di Cuneo. “Alpi, Acqua Legno Pietra” è il titolo della manifestazione che si tiene a Valdieri dal 30 maggio al 2 giugno.

Per il Cuneo Montagna Festival il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cuneo ha messo a disposizione la palestra di roccia, che sarà possibile utilizzare gratuitamente, con accesso libero, venerdì 29 maggio dalle ore 9 alle 12 e dalle 14 alle 17, sabato 30 maggio dalle ore 14 alle 17; assistenza tecnica garantita dall’Associazione Il Punto.

Tutti i dettagli sugli eventi e gli aggiornamenti relativi al Cuneo Montagna Festival 2015 si possono trovare sul sito internet www.festivaldellamontagna.it.

Comunicato UNCEM Piemonte

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro