Premio Marcello Meroni, XI edizione: festeggiati all’Università degli Studi di Milano i benemeriti della montagna

Premiati Francesco Bevilacqua (cultura), Marco Guerrini (ambiente), Walter Polidori (alpinismo), Angiolino Binelli (solidarietà) e il Servizio Glaciologico Lombardo (premio speciale e premio del pubblico)

Un momento della cerimonia

10 dicembre 2018 - Ambiente, alpinismo, cultura, impegno sociale. La montagna ha fatto l’en plein venerdì 30 novembre 2018: scenario prestigioso della consegna dei premi dedicati a Marcello Meroni (http://premiomarcellomeroni.it/), suddivisi nelle quattro categorie citate, l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano. Ventisei erano i candidati, cinque i premiati come previsto, anche in questa undicesima edizione, dal regolamento.

Il Rettore dell’Università Statale di Milano, Elio Franzini, ha aperto la manifestazione con un coinvolto e caloroso benvenuto indirizzato ai tanti amici della montagna che gremivano l’Aula Magna; è poi intervenuto l’assessore alpinista Pier Francesco Majorino, responsabile dell’Assessorato alle Politiche sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano, insieme ad altri rappresentanti del Comune tra i quali Diana De Marchi, presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano.

Sul palcoscenico, presentati da Marco Albino Ferrari affiancato da Nicla Diomede, si sono succeduti, applauditissimi, i premiati accompagnati da filmati e slide show. Nell’ordine sono saliti alla ribalta a ritirare i riconoscimenti l’avvocato calabrese Francesco Bevilacqua (cultura), instancabile promotore del natio Aspromonte, il sindaco di Carrega Ligure Marco Guerrini (ambiente), impegnato nella valorizzazione della sua valle piemontese che si appresta a essere riconosciuta come area protetta, l’alpinista Walter Polidori (alpinismo), istruttore nazionale e direttore in Lombardia della prestigiosa Scuola “Guido della Torre”, Angiolino Binelli (solidarietà), artefice del comitato per la Targa d’Argento della Solidarietà alpina che si assegna ogni anno, da 47 anni in qua, nella ridente località trentina di Pinzolo, e il Servizio Glaciologico Lombardo (premio speciale e premio del pubblico), impegnato in un programma quinquennale di ricerca nelle Ande, ai quali è andato il premio del pubblico oltre al riconoscimento speciale della giuria.

Novità di quest’anno è stata quella di portare sul palco tutte le 26 iniziative, storie di donne e uomini comuni ma eccezionali per la loro testimonianza di passione, altruismo, cultura e solidarietà nel mondo della montagna, scelte come candidate ai premi tra le tantissime candidature ricevute. Questi i selezionati: Alessandro Cella, Associazione Monte di Brianza, Comunità Il Molino, Coro Capitano Grandi, Cuori in movimento, Davide Sapienza, Diego Filippi, ERSAF – CamminaForeste Lombardia, Fabrizio Pepini, Giovanni Boschis, Giuseppe Cola, Giuseppe Rinaldi, Gruppo Montagnaterapia Cai Parma, Gruppo Speleologico Valseriana Talpe, Mario Pellegrini, Miriam Campoleoni, Nicola Tondini, Omar Gubeila, Ragni di Lecco Academy, Sardini Giancarlo, Silvio Calvi.

Nel ritessere la preziosa tela di questa undicesima edizione del premio, mettendo in luce l’importanza del lavoro svolto dal Comitato Organizzatore del Premio, il presidente generale del Cai Vincenzo Torti ha infine posto l’accento sulla vocazione montanara di Milano. In attesa che siano confermati i Giochi olimpici del ’26 da spartire con Cortina d’Ampezzo, la città dell’Expo si appresta infatti a ospitare nel 2019 due notevoli eventi legati alla montagna: l’Assemblea dei delegati del Cai e l’Adunata nazionale degli Alpini. Ma anche la macchina organizzativa dei “Meroni” è già in movimento per la dodicesima edizione e diverse novità stanno per essere annunciate.

Istituito dalla Scuola di Alpinismo e Scialpinismo “Silvio Saglio” e dalla Scuola Regionale Lombarda di alpinismo del Cai, sostenuto dalla Società Escursionisti Milanesi, con il contributo dell’Associazione Ricreativa e Culturale dell’Università degli Studi e il patrocinio di UNIMONT (Università della Montagna) e del Comune di Milano, il premio dedicato a Marcello Meroni, amatissimo e indimenticabile istruttore di alpinismo, ha il pregio di avere creato undici anni fa un solido ponte fra la montagna e le istituzioni cittadine.

Premio Marcello Meroni, il Comitato organizzatore

Segnala questo articolo su:


Torna indietro