Pasqua 2016, le poesie dei soci CAI

Due soci CAI, Francesco Lena e Luciano Granato, hanno mandato alla redazione due loro poesie sulle festività pasquali e sull'arrivo della primavera.

Poesia di Pasqua 2016
La colomba ci porti il sogno di una Pasqua, dove il calore del sole ci trasmette l’energia per costruire un mondo migliore,
disposti a offrire un posto di pace a chi sfugge dalle guerre, con sentito amore.
Il suono delle campane diffondono il sogno di una Pasqua, fiorita dove si respira aria di primavera e le persone sono piene di speranza,
con grande affetto sanno porre la mano agli anziani e ascoltare la loro saggezza.
Le stelle illuminino il sogno di una Pasqua, piena di luce, di relazioni di amicizia e di umanità,
sempre disposti ad accogliere i poveri, per condividere il pane con loro in una sentita solidarietà.
Il cielo ci trasmetta il sogno di una Pasqua, creativa e costruttiva per la natura ci sia impegno per amarla,
per diventare custodi e non sentirsi padroni della nostra bella madre terra e di rispettarla.
L’universo ci porti il sogno di una Pasqua, piena di onestà, quella vera che ha l’abito ricco di umanità,
Che ci rende nella vita più liberi, pronti a offrire, il bene, un sorriso, agli ammalati con umana semplicità.
L’agnello ci doni il sogno di una Pasqua bella, dove prevalga sempre infinita bontà,
investimento sicuro, con dolce armonia donare amore, una carezza ai bambini, per far sbocciare in loro la felicità.
L’uovo ci doni la sorpresa di una Pasqua di semina d’amore, svegliarsi all’alba con cuore aperto e generoso,
pronti ad aiutare gli altri e a portare la Pasqua in ogni cittadino bisognoso.
Il mare ci trasmetta il sogno di una Pasqua di unione, d'impegno a piantare in ogni parte del mondo l’albero dei valori,
quello che da frutti buoni in qualunque posto sia fatto crescere con amore.
Le montagne ci donino il sogno di una Pasqua solidale, dove le persone non siano giudicate, ma accettate le diversità,
dalle persone con i loro bisogni e dalla loro dignità.
La Pasqua più bella sarà, dove gli uomini rispetteranno le persone con le loro meravigliose qualità,
la dove manca il cibo non saranno più mandati strumenti di morte, le armi, ma pane da mangiare con umanità.
I fiori ci donino il sogno di una Pasqua di passione, dove ognuno di noi sa guardare oltre il colore dell’egoismo per aprirsi alle fragilità,
di vedere le meraviglie dei colori della vita, dell’arcobaleno della pace e del grande valore della solidarietà.
Se questi sogni si avvereranno con il nostro impegno e responsabilità,
per far trionfare la vita, il bene, allora ci sarà giustizia sociale e una bella Pasqua per tutta l’umanità.

Francesco Lena

Il nuovo tra i monti
Perché questo tempo
della tua avventura
si colora di limpida gioia?
E’ la primavera
che dentro ti pulsa
e conduce
verso ridenti richiami.
Il tuo Io accoglie
i germogli che l’animo
accarezza con vivace passione.
Il cielo propone
intensi azzurri,
ma è tuo l’estatico incanto,
che magico preme.
I verdi in boccio
ispirano fiducie e speranze:
le  rivolgi, sorridente,
nei tuoi segreti cantucci.
I fiotti dei rivi si sciolgono
in un risuonare tenero dei sensi.
Se l’aura dei monti
risplende di tinte rinate
è trepido, esaltante
il sussurro di mirabili note:
il rigoglio della tua vita
s’apre alla fragrante stagione
con un mondo di carezze e di sogni;
orneranno i giorni avvenire
di ineffabili echi.

Luciano Granato

Segnala questo articolo su:


Torna indietro