'Passeggiate sulle Alpi': in edicola con Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport la nuova guida realizzata da CAI e RCS

Dal 7 maggio 2016 sarà acquistabile in abbinamento a uno dei due quotidiani il volume che descrive 50 passeggiate lungo l'intero arco alpino, alla portata di tutti e in zone di interesse storico e naturalistico.

La copertina della guida

La descrizione di 50 passeggiate da effettuare nell'intero arco alpino, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia, in una guida di 432 pagine. Dal 7 maggio 2016 è in edicola “Passeggiate sulle Alpi”, volume nato grazie alla collaborazione tra il Club alpino italiano, il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport, a € 12,90 più il prezzo di uno dei due quotidiani.

La guida vuole essere uno strumento ideale per chi desidera camminare con lentezza e immergersi nel paesaggio e nell’ambiente alpino. Il CAI ha selezionato zone di bassa e media montagna, non particolarmente interessate dal turismo di massa, lungo percorsi di livello escursionistico facile, quindi particolarmente adatti alla frequentazione da parte di famiglie con bambini e persone più anziane.
Per ogni itinerario, oltre al corredo fotografico e alla cartina di riferimento, sono indicate la lunghezza, il dislivello, il livello di difficoltà e le informazioni pratiche su come arrivare al punto di partenza.

La presentazione di “Passeggiate sulle Alpi” è curata dal Presidente generale del CAI Umberto Martini: “il volume è frutto dell'impegno profuso dal Club alpino italiano per diffondere la pratica delle passeggiate in montagna che non richiedano una particolare preparazione atletico-sportiva, attraverso territori di particolare interesse non solo naturalistico, ma anche ricchi di testimonianze dovute alla permanenza dell’uomo e alle sue attività tradizionali”. Le considerazioni del Presidente generale ci portano a riflettere sulla percezione del tempo mentre si cammina, una percezione lenta, e dunque congeniale alla scoperta del mondo e della natura circostante.

I diversi approfondimenti proposti nella prima parte della guida analizzano il sentiero come traccia di cultura, la progettazione, la costruzione e la manutenzione della rete sentieristica, fino ad arrivare alle riflessione sul camminare come strumento per la salute e il benessere psicofisico.
I contributi sono a cura di Paolo Zambon, Tarcisio Deflorian, Sandro Selandari, Alessandro Geri, Paolo Di Benedetto e Lorenzo Cremonesi.

Comunicato Club alpino italiano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro