Parco di Santa Giulia: con il Cai Reggio Emilia una escursione nella storia

Domenica 25 marzo 2018 si andrà sull'itinerario storico ed escursionistico “Con gli occhi della memoria. La strage del 18 marzo 1944", tra sentieri, strade battute e carrarecce che uniscono i vari borghi.

Il luogo dell'escursione

22 marzo 2018 - La Commissione Tutela Ambiente Montano del Cai reggiano propone domenica 25 marzo l'itinerario storico ed escursionistico “Con gli occhi della memoria. La strage del 18 marzo 1944", nel Parco di Santa Giulia, a Monchio di Palagano, nell'Appennino Modenese. Durante la seconda guerra mondiale, tutta la zona nel cuore di quella che fu la zona libera della Repubblica di Montefiorino fu teatro di feroci rappresaglie nazifasciste. Il percorso si snoda tra sentieri, strade battute e carrarecce che uniscono i vari borghi, con una splendida vista sulle valli del Dolo e del Dragone. Info e programma: www.caireggioemilia.it.

Il Parco di Santa Giulia è un'area naturalistica vasta circa 27 ettari caratterizzata da boschi di querce e castagni e ampi prati di montagna. Il parco è attrezzato con sentieri panoramici, aree pic-nic e punto ristoro, oltre al centro servizi con ristorante, punto di partenza per l'escursione.

Il percorso si snoda tra i paesi di Monchio, Susano, Costrignano e Savoniero dove il 18 marzo del 1944 le truppe nazifasciste fecero strage di 131 civili inermi. Durante la seconda guerra mondiale, tutta la zona nel cuore di quella che fu la zona libera della Repubblica di Montefiorino fu teatro di feroci rappresaglie nazifasciste. Per ricordare quei tragici eventi all'interno del parco, ai piedi della salita che conduce alla chiesa di santa Giulia, è stato allestito tra il 1988 e il 1992 un memoriale costituito da quattordici imponenti sculture su pietra eseguite da altrettanti scultori di tutto il mondo. Lungo l'itinerario si trovano inoltre pannelli esplicativi, cippi, edifici, simboli della memoria legati a quegli eventi.

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro