No a eliski e frequentazione dei sentieri con mezzi motorizzati. Il CAI lo ribadisce a Lanzo Torinese (TO)

Al convegno di Mountain Wilderness di oggi il Presidente generale del CAI Vincenzo Torti ribadisce che il vigente Codice della strada non consente la circolazione dei mezzi motorizzati sui sentieri.

L'intervento di Vincenzo Torti a Lanzo

11 febbraio 2017 - Il Club alpino italiano conferma la propria contrarietà alla frequentazione della montagna per fini di svago con qualsiasi tipo di mezzo a motore: dalle moto da enduro ai quad, dalle motoslitte agli elicotteri. Il concetto è stato ribadito dal Presidente generale Vincenzo Torti oggi a Lanzo Torinese (TO), in occasione del convegno “Turismo degli elicotteri o turismo del rispetto”.

L'appuntamento è stato organizzato da Mountain Wilderness prendendo spunto dalla delibera approvata il 30 novembre 2016 dal Comune di Balme (TO), con la quale si vieta qualsiasi tipologia di accesso e di fruizione motorizzata a scopo ludico del proprio territorio, sia estiva che invernale.

“Non posso che condividere totalmente le ragioni ispiratrici e i contenuti di quanto deliberato dalla Giunta comunale di Balme”, ha affermato Torti. “Non ho dubbi sulla fondatezza dell’opinione del Sindaco Bruno De Matteis per cui questo divieto avrà una positiva ricaduta di una vera promozione turistica, non quella del mordi, distruggi e fuggi. Scelte come quelle di Balme e della Valle Maira, della quale abbiamo parlato oggi, saranno vincenti come investimento turistico per il futuro già nel breve periodo”.

L'intervento di Torti si è poi focalizzato sulle disposizioni specifiche del Codice della Strada, “il cui articolo 2 dice chiaramente quali sono le strade destinate alla circolazione dei mezzi motorizzati e, tra esse, non vi sono i sentieri, le mulattiere e i tratturi. Ve ne è quanto basta per affermare che la circolazione dei mezzi a motore sui sentieri è in contrasto con la Legge”.

L'incontro, moderato da Alessandro Gogna di Mountain Wildernes, ha visto anche altri autorevoli interventi, ra cui quelli di Annibale Salsa (past president CAI) sulla montagna "maestra del limite, Ermete Realacci, (Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati), e Silvana Accossato (Presidente della Commissione Ambiente del Consiglio regionale del Piemonte).

Comunicato Club alpino italiano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro