Nella val di Fosse con la sottosezione Cai Novellara

Il 24 e il 25 agosto due giorni tra i masi altoalesini per godere della pace di un bellissimo paesaggio contadino di montagna

2 agosto 2019 - Il Cai Novellara propone, il 24 e 25 agosto, una escursione nella Val di Fosse (Bolzano), un luogo bellissimo dal fascino indubbio. La Val di Fosse è la vallata laterale più grande della Val Senales e si trova nel cuore del Parco Naturale Gruppo di Tessa.

Il suo fascino risiede nella natura selvaggia, scolpita nei millenni dal ghiaccio e dall'acqua e che sembra essersi fermata nel tempo, dove prevalgono pace, tranquillità e una natura incontaminata. La vita contadina è ancora molto diffusa, ne sono testimoni le casere e i masi: Casera di Mezzo, Maso Gampl, Maso Rableid e Maso Gelato, in origine tutti indipendenti e a conduzione autarchica, dove gli abitanti vivevano isolati tutto l'anno.

«Seguendo una strada forestale che sale lungo la valle, accompagnati dal rumoreggiare delle acque del torrente della Val di Fosse - spiega il capogita, Giordano Lusuardi -  raggiungeremo i masi. Dopo il Maso Gelato termina la strada forestale e inizia il sentiero che sale verso il valico del Passo Gelato, a 2895 metri di quota dal quale, percorrendo un sentiero in discesa, dopo pochi minuti raggiungeremo il Rifugio Petrarca, dove ci fermeremo per il pernottamento. Il rifugio, costruito nel 1897, ammodernato più volte dalla Sezione Cai di Merano, tra il 1965 e il 1972 è stato occupato dai militari italiani e usato come base per il controllo del confine a seguito della campagna di attentati degli indipendentisti sudtirolesi».

Il secondo giorno è prevista la salita alla Cima Altissima (3482 m), sulla linea di confine tra Italia e Austria, che spicca per l'imponenza delle larghe muraglie rocciose e per le affilate creste. Lungo il percorso non è difficile incontrare stambecchi dalle potenti corna ricurve. È una escursione che richiede predisposizione alle camminate di più ore; per la massima parte del primo giorno di tipo turistico, la salita alla Cima Altissima invece è per escursionisti esperti. Info:https://cainovellara.wordpress.com

Fonte: Cai Novellara

Segnala questo articolo su:


Torna indietro