Nasce "Dolomiti senza confini": 12 ferrate tra Veneto, Alto Adige e Osttirol austriaco concatenate in un unico percorso

Sabato 9 giugno 2018 Reinhold Messner, Fausto De Stefani e Hans Wenzl taglieranno il nastro a Forcella Frugnoni, poi festa a Passo Monte Croce Comelico. In tutto 100km per portare un messaggio di pace in luoghi che furono di guerra.

Paternkofel

25 maggio 2018 - Saranno Reinhold Messner, Fausto De Stefani e Hans Wenzl ad inaugurare “Dolomiti senza confini”, il percorso ferrato d’alta quota che collega l’Italia all’Austria e le Province di Belluno, Bolzano e Lienz.
Sabato 9 giugno i tre alpinisti di fama internazionale saliranno a Forcella Frugnoni, posta a quota 2500m, dove i territori del Cadore, della Pusteria e dell’Osttirol si incrociano.

Si daranno una stretta di mano per poi scendere a Passo Monte Croce Comelico dove, a partire dalle 11, si svolgerà la festa in onore di questo percorso, ricavato dal concatenamento di 12 ferrate di elevato valore alpinistico, che attraversa i luoghi dove più cruente sono state le battaglie dolomitiche durante la Prima Guerra Mondiale.

Un percorso di pace lungo 100 chilometri sui luoghi di guerra per insegnare che le montagne non sono più una barriera e neppure un confine da contendere, ma una cerniera aperta, un luogo di incontro, di amicizia, di pace.
Ad amplificare il messaggio interverranno i Gestori dei Rifugi che si trovano lungo il percorso, le Guide alpine, il Club Alpino Italiano e l’Alpenverrein, le Province di Belluno, Bolzano e Lienz con i loro Gruppi di Azione Locale, il Consorzio Turistico di Sesto.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro