Morbegno inaugura il sentiero Città Alpina 2019

un percorso di trenta chilometri che parte dalla stazione ferroviaria della città attraversa la valle di Albaredo e il parco della bosca, sale sull’altopiano della Colmen per poi scendere fino al ponte di Ganda

7 febbraio 2020 - “I morbegnesi hanno sempre pensato di abitare in pianura, ma sono ai piedi delle montagne”, dichiara a Lo Scarpone il cooordinatore di Morbegno Città Alpina Oscar Dal Barba. “La montagna è sempre presente e per questo dobbiamo conviverci nel miglior modo possibile”, continua. A marzo 2019, questa cittadina in provincia di Sondrio ha ottenuto il riconoscimento di Città alpina dell’anno 2019, dedicato a quei territori che rispettano i valori e gli obiettivi della convenzione delle alpi. Entrata in vigore nel 1995, la convenzione delle alpi è stata firmata dagli otto Paesi alpini: Italia, Francia, Germania, Svizzera, Austria, Lichtenstein, Monaco e Slovenia. L’obiettivo è quello di puntare alla protezione e allo sviluppo sostenibile delle alpi. 

Ovviamente, oltre all’ecosostenibilità entra in gioco anche il rapporto diretto con la montagna. Per questo motivo, a marzo sarà inaugurato il sentiero città alpina di Morbegno. Si tratta di un percorso di trenta chilometri che parte dalla stazione ferroviaria della città sale verso la frazione di Valle e il parco della Bosca, sale sull’altopiano della Colmen per poi scendere fino al ponte di Ganda. “Ovviamente, è possibile fare tutto il sentiero, oppure solo una parte nella direzione che si preferisce”, puntualizza Dal Barba. In particolare, il protagonista del sentiero è la montagna orobica, della quale è stata scelta una sezione della valle di Albaredo verso San Marco, con i suoi grandi abeti. 

“Insomma, abbiamo deciso di fare le cose in grande per celebrare questo premio”, continua Dal Barba. “Il tutto nel rispetto dei principi della convenzione”. Ma le iniziative e e i progetti non sono finiti qui. Dal cineforum sulla montagna previsto durante tutto il mese di febbraio alla mostra sull’architetto Caccia Dominioni. Quest’ultimo a Morbegno, ha lavorato molto sull’idea di architettura legata all’ambiente montano circostante.

PIù in generale, le città che ottengono il riconoscimento di città alpina devono dimostrare di essere ecosostenibili e di puntare allo sviluppo green del territorio circostante. Infatti, Morbegno si presenta come una città vivibile, organizzata e rispettosa dell’ambiente, scrivono i responsabili del riconoscimento. L'amministrazione ha lanciato un piano di riqualificazione energetica degli edifici pubblici e scolastici. Senza dimenticare che la città è dotata di teleriscaldamento grazie a una centrale a metano e una a biomassa. Allo stesso tempo, sono presenti anche servizi di bike e car sharing elettrici.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro