Monti Sorgenti, successo di pubblico per la serata dedicata al 40° anniversario del CAI Ballabio e al 20° della salita allo Shivling

La vetta, a quota 6543 metri, è stata raggiunta nel 1997 da una spedizione guidata da Bruno Lombardini di cui facevano parte gli attuali Presidenti di CAI Lecco e CAI Ballabio (Alberto Pirovanoe e Giuseppe Orlandi), intervenuti durante la serata.

La serata di Ballabio

24 maggio 2017 - Sala piena e grande entusiasmo per la serata dedicata allo Shivling inserita nella rassegna di Monti Sorgenti. L’evento è stato organizzato al Centro polifunzionale Monte Due Mani di Ballabio in occasione dei festeggiamenti per il 40° di nascita della sottosezione del CAI Ballabio e per ricordare il 20° di salita della montagna di 6543 metri compiuta nel 1997 dalla spedizione guidata da Bruno Lombardini.

La serata è stata presentata da Alberto Pirovano, presidente del CAI Lecco e introdotta da Giuseppe Orlandi detto “Calumer”, presidente della sottosezione CAI Ballabio, entrambi membri della spedizione.  Presenti quasi tutti i protagonisti dell’impresa: Giorgio Tessari, Andry Dell’Oro, Ivan Zuffi, Simone Bellani, Dario Locatelli, Sergio Montini, Luigi Corti e Gianmaria Goretti “Smith” (assenti solo Michele Lancini e Alberto Balossi).

Le immagini della spedizione, foto e diapositive digitalizzate, e i racconti dei protagonisti hanno restituito al pubblico il senso e il sapore delle spedizioni di “una volta”: stile, attrezzature e modalità di salita, seppur risalenti a vent’anni fa, molto diversi da quelli di oggi. Alla sottosezione è stata donata l’incisione che l’artista Bruno Biffi realizza ogni anno per Monti Sorgenti e che quest’anno è stata dedicata proprio allo Shivling.

Il sindaco di Ballabio, Alessandra Consonni, ha ringraziato per l’occasione e si è detta molto contenta che Ballabio sia stata inserita in una rassegna come Monti Sorgenti.

Monti sorgenti prosegue giovedì 25 maggio con due eventi. Alle 18 è prevista l’inaugurazione di “Cammina(r)te nelle Grigne” di Luisa Rota Sperti a Palazzo delle Paure: cinque quadri dell’artista lecchese saranno presentati prima di essere trasferiti nei rifugi delle Grigne per l’esposizione estiva. L’evento avrà la partecipazione di Mario Fiorentini di Rifuginrete.com, curatore dei Cammina(r)te dolomitici, e dell’alpinista Giuseppe “Det” Alippi, a cui è dedicato l’omaggio alle Grigne della Rota Sperti.

Alle 20.45 ci sarà la proiezione del film “The white maze”, insignito del premio Mario Bello dal Centro di Cinematografia e Cineteca del Club Alpino Italiano al Trento Filmfestival 2017. Il film (Austria, 2016, 52’, lingua originale con sottotitoli in italiano) è la storia di Matthias Hauni Haunholder e Matthias Mayr, il regista, e della loro spedizione scialpinistica sull’inviolato Gora Pobeda, la cima più alta della Siberia orientale.
Trailer http://www.thewhitemaze.com/.

Comunicato Monti Sorgenti

Segnala questo articolo su:


Torna indietro