Montagna Infrastruttura verde d’innovazione e sviluppo: anche il CAI partecipa al convegno dell'Università LUMSA a Roma.

Appuntamento martedì 3 maggio 2017 presso la sede dell'Ateneo. Tra gli interventi della tavola rotonda sull'Appennino come risorsa verde quello del Vicepresidente generale CAI Erminio Quartiani.

Il programma del convegno

24 aprile 2017 - “La fragilità, lo spopolamento, lo stress geologico e ambientale della montagna non possono più essere la scusa di un mancato sviluppo, che necessariamente deve passare attraverso l'incontro delle politiche, della formazione, della ricerca e dell'Innovazione nella solida cornice del consolidato patrimonio di valori presente nei territori. La montagna ha bisogno di costituire un sistema di valori culturali. L'università deve contribuire a sostenere il complesso processo di accreditamento e di valorizzazione di tale sistema”.

Queste le parole usate da Antonio Ciaschi (LUMSA – Società Geografica Italiana) per presentare il convegno “Montagna infrastruttura verde di innovazione e sviluppo”, che l'Università LUMSA di Roma, organizza martedì 3 maggio alle 9,30 presso la propria sede in B.go Sant'Angelo, 13.

Il convegno chiama a raccolta i protagonisti del governo, della politica, del territorio e le maggiori istituzioni universitarie e di ricerca interessate alla montagna. La giornata è divisa in due momenti. Il primo confluisce in una tavola rotonda che fa il punto politico e istituzionale e il secondo dà voce al mondo della ricerca e ai testimoni che operano concretamente in montagna. L’obiettivo finale è inserire la LUMSA tra gli attori che con competenza si occupano delle questioni montane.

Nella tavola rotonda, denominata “Appennino risorsa verde della Green Economy” (inizio ore 11,15), interverrà tra gli altri il Vicepresidente generale del CAI Erminio Quartiani.

La sessione pomeridiana sarà invece coordinata da Rete Montagna nella persona del Presidente Mauro Pascolini.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro