L'uomo che raccontò l'impresa sulla Montagna Lucente in un libro: presentazione l'11 dicembre a Talamona

Nella Giornata Internazionale della Montagna il volume del CAI “Gasherbrum IV – La montagna lucente”, con le foto inedite di Fosco Maraini, arriva in provincia di Sondrio.

La locandina della presentazione

7 dicembre 2018 - La foto li ritrae stanchi, incorniciati dalle barbe e sorridenti, ma la fatica è ormai diventata un’amica di famiglia. Sono i componenti della spedizione sul Gasherbrum IV, che fa da sfondo alle loro espressioni felici. Tra loro, ultimo in piedi sula destra di chi osserva, c’è Fosco Maraini, che aveva la responsabilità di raccontare e di documentare quell’avventura.

Al tempo di questa spedizione organizzata dal CAI, guidata da Riccardo Cassin, Fosco Maraini aveva già vissuto diverse altre vite. Aveva visitato l’Anatolia e il Nord Africa, e successivamente il Tibet, la Corea, e Gerusalemme. E aveva vissuto in Giappone. Aveva conosciuto le lingue orientali attraverso uno dei suoi maestri, il professore marchigiano Tucci, che conosceva - tra le altre - il sanscrito, l’hindi, il nepalese, ed era stato imprigionato in un campo di concentramento nipponico, insieme alla numerosa famiglia.
Il suo sorriso, nella foto, era quindi pienamente consapevole dell’impresa di quei giorni. Lo spirito di squadra di squadra portò Carlo Mauri e Walter Bonatti a raggiungere la cima del Gasherbrum IV e la foto conferma la grandezza di quel gruppo.

Sono passati 60 anni da quell’impresa che il CAI celebra con un volume fotografico, Gasherbrum IV – La montagna lucente”, utilizzando i momenti fissati dalla macchina fotografica di Fosco Maraini, oltre ad altro materiale illustrativo dei luoghi in cui fu portata a compimento.

Il volume sarà presentato in occasione della Giornata Internazionale della Montagna (11 dicembre) presso la Casa della Cultura di Talamona, nel Sondriese, alle 20,30.

Una ricostruzione fedele, poichè intento di Maraini fu quello di tracciare un percorso narrativo attraverso le foto. E in certe circostanze, l’efficacia delle immagini vale più di mille parole.

Il libro è parte importante della Giornata Internazionale della Montagna 2018 in provincia di Sondrio, poiché ne segue fedelmente lo slogan: Leggere le montagne.

Il volume, curato da Alessandro Giorgetta nei tre capitoli introduttivi spiega il significato di quella spedizione in quei giorni e in quella società post-bellica; racconta le quattro spedizioni nazionali organizzate dal CAI tra il 1954 e il 1975; confronta la figura di Fosco Maraini con quella di Mario Fantin che, quattro anni prima, aveva documentato la conquista del K2 da parte di Achille Compagnoni e Lino Lacedelli.

Completata la contestualizzazione storica, il libro lascia spazio, per la sua intierezza alle immagini di Maraini. Come detto molto più eloquenti di qualsiasi descrizione verbale.
Il presidente del CAI Vincenzo Torti sottolinea: “Quest’opera intende essere molto di più di una celebrazione: nel quadro delle quattro storiche spedizioni organizzate dal CAI, infatti, quella al Gasherbrum IV assume connotazioni del tutto particolari, che, come spesso accade per gli eventi umani, il tempo ha reso più evidenti. Tutti i protagonisti, alpinisti e portatori, sono colti nella quotidianità della spedizione, al pari che nei momenti esaltanti della paziente costruzione della salita, diventandoci familiari e riacquistando una vitalità fuori dal tempo. Così, la spedizione al GIV recupera, non solo presso gli alpinisti, quella visibilità che il suo elevatissimo contenuto tecnico e culturale avrebbe meritato da subito”. 

Gasherbrum IV – La montagna lucente” è disponibile nelle librerie specializzate già dal 13 novembre scorso (prezzo al pubblico 28,50 euro e 22,50 euro per i soci CAI).
Potete inoltre acquistarlo presso lo store on line del CAI stesso all’indirizzo store.cai.it

Diego Costa

Segnala questo articolo su:


Torna indietro