Linea Gotica, a Brento (BO) presentazione in anteprima nazionale del “Manuale dell’escursionista” e la “Carta escursionistica”

Nuovi percorsi, tracce GPS e localizzazione delle più importanti opere difensive tedesche per la nuova “fatica” di Vito Paticchia, Matteo Brusa e Massimo Gherardi. La serata del 13 aprile 2017 è organizzata dal CAI Bologna Est.

La copertina del Manuale

12 aprile 2017 - A distanza di alcuni anni dalla pubblicazione della guida storico-escursionistica Sulle tracce della Linea Gotica. Il fronte invernale dal Tirreno all’Adriatico in 18 tappe (Vito Paticchia e Marco Boglione, Fusta editore, Saluzzo, 2011), escono ora il Manuale dell’escursionista e la Carta escursionistica di quel tracciato, arricchito di nuovi percorsi, delle tracce GPS e della localizzazione delle più importanti opere difensive tedesche. La pubblicazione si avvale del patrocinio dei Gruppi Regionali CAI di Emilia-Romagna e Toscana e della sezione “M. Fantin” di Bologna. 

Ne sono autori Matteo Brusa e Massimo Gherardi, cartografi, con alle spalle la pubblicazione di diverse carte escursionistiche dall’Isola d’Elba al comprensorio Abetone, Cimone, Corno alle Scale, esperti bikers e assidui frequentatori dei territori appenninici e Vito Paticchia, storico, già responsabile presso l’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia del Progetto “Linea Gotica”, socio accompagnatore CAI, autore di guide e articoli a carattere storico-escursionistico, collaboratore della rivista Camminare e di Montagne360.

Giovedì 13 aprile alle 21 gli autori saranno ospiti del CAI Bologna Est per la presentazione in anteprima nazionale presso il circolo "Monte Adone" a Brento di Monzuno (BO). In tale occasione sarà illustrato il lavoro in quella che vuole essere un'occasione per chiacchierare con i cittadini interessati. Interverranno, tra gli altri, il Presidente del CAI Emilia Romagna Vinicio Ruggeri e il direttore della stampa sociale CAI Luca Calzolari.

Il Manuale dell’escursionista (100 pagine) offre, per ognuna delle 25 tappe (32 con le varianti):
- introduzione storica e breve descrizione della tappa e dei punti di interesse;
- modalità di accesso e strutture ricettive verificate;
- profilo altimetrico e dati escursionistici di dettaglio;
- codice QR che permette di accedere alle schede di approfondimento;
- timbro per il Passaporto dell’escursionista

La Carta escursionistica si compone di 10 fogli mappa in scala 1:29.000 e 2 fogli mappa in scala 1:45.000 dove, sulla base della rete escursionistica CAI di Toscana ed Emilia-Romagna, viene evidenziato l’intero tracciato del fronte di guerra che interessò questi territori dall’autunno del 1944 all’aprile del 1945. La Legenda e una specifica simbologia permettono di segnalare le strutture di accoglienza o i ricoveri lungo il percorso o nelle immediate vicinanze; i punti di maggiore interesse storico; i principali siti che conservano importanti tracce delle fortificazioni tedesche o alleate; i luoghi dove la presenza partigiana fu particolarmente significativa; i Musei e le collezioni storiche sia pubbliche che private

Per maggiori informazioni: www.trekkinglineagotica.it.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro