"La Via Incantata. Dalla Val Grande ai Ghiacci Polari" di Marco Albino Ferrari: spettacolo teatrale, basato sull'omonimo libro, al CAI Saluzzo

Appuntamento il 26 gennaio 2018 (ingresso libero) per il primo appuntamento della rassegna sezionale "Montagne di Sera". Si parlerà della figura di Giacomo Bove, esploratore piemontese dimenticato e morto suicida nel 1887.

La locandina della serata

19 gennaio 2018 - Il 26 gennaio inizia il nuovo ciclo incontri di “Montagne di Sera”. Le serate, dedicate alla montagne e ai viaggi, sono organizzate dal Cai “Monviso” Saluzzo ormai da qualche anno e sono tutte ad ingresso libero. Anche quest’anno gli incontri sono realizzati grazie al supporto e alla collaborazione del Comune di Saluzzo e del Parco del Monviso.

L’inaugurazione si terrà al Teatro Magda Olivero, ex Politeama, venerdì 26 gennaio, ore 21 con un incontro speciale: “La Via Incantata. Dalla Val Grande ai Ghiacci Polari”, uno spettacolo di e con Marco Albino Ferrari e accompagnato dalle musiche dal vivo di Francesco Zago.

Giacomo Bove, esploratore piemontese dimenticato e morto suicida nel 1887, sarà il sorprendente protagonista della serata. A Giacomo Bove è stata dedicata, in Val Grande, la prima “alta via” d’Italia.
Partendo dalla selvaggia Val Grande, rivivremo le avventure di Bove fino all’Artide, dove egli fu intrappolato per 35 settimane tra i ghiacci della notte polare, sotto i lampi delle aurore boreali.

Sullo sfondo di questa storia dimenticata si muoveranno personaggi quali Emilio Salgari, Edmondo De Amicis e l’ammiraglio, pioniere della fotografia, Louis Palander.
Marco Albino Ferrari ci condurrà in questo viaggio nel tempo accompagnato dalla musica di Francesco Zago e con le immagini e i filmati della spedizione ormai ultra centenari.
Liberamente tratto dall’ultimo libro di Ferrari, dal titolo omonimo.

Marco Albino Ferrari è giornalista, scrittore, sceneggiatore, specializzato in montagna; egli stesso ha praticato l’alpinismo, ha fondato e dirige la rivista “Meridiani Montagne”.
Collabora con festival di cinema e letteratura.
Fra i suoi libri ricordiamo: Freney 1961, La Sposa dell’Aria, Alpi Segrete, La Via Del Lupo, Le Prime Albe del Mondo, Montecristo, Il Sentiero degli Eroi, La Via Incantata. Dalla Val Grande ai Ghiacci Polari.

Francesco Zago è chitarrista, compositore, arrangiatore e produttore.
Ecco un breve e non esaustivo elenco delle sue attività.
Membro del gruppo Yugen, del duo Zaus, fondato sulla libera improvvisazione, fin dal 2008 collabora con l’ensamble elettrico RepertorioZero, nel 2013 si unisce agli Stormy Six con cui realizza un CD/DVD per l’attore Moni Ovaia, “Benvenuti nel ghetto”.
Da sempre interessato alla relazione tra musica e immagini, realizza clip commerciali, clip per musei e video installazioni. Zago insegna chitarra elettrica, improvvisazione, musica da camera contemporanea alla scuola civica di musica “Claudio Abbado” di Milano.

Qui sotto gli altri appuntamenti di "Montagne di Sera".

- Venerdì 2 febbraio 2018, ore 21, Antico Palazzo Comunale.
“Senza Possibilità di Errore”
Proiezione del film in collaborazione con il Trento Film Festival.
Interverranno: Aldo Galliano, ex Presidente del Soccorso Alpino piemontese, Alberto Fantone, guida alpina, istruttore nazionale di soccorso alpino, Livio Perotti, ex medico del Soccorso Alpino.

- Giovedì 22 febbraio 2018, ore 21, Antico Palazzo Comunale
“Jel Tagerman. Il Mulino a Vento”
Paolo Rabbia racconta il viaggio e l’ascesa fatti con Marco Bernini e Alessandro Beltrame.

- Venerdì 2 marzo 2018, ore 21, Antico Palazzo Comunale.
“Segantini. Ritorno alla natura”
Proiezione del film con la partecipazione della sceneggiatrice Roberta Bonazza.

CAI Saluzzo

Segnala questo articolo su:


Torna indietro