Cai-Sem mette in guardia dalle "confusioni pericolose" tra piante innocue e nocive

La botanica Tullia Rizzotti terrà una lezione per spiegare i tranelli in cui incorrono gli erboristi "improvvisati" venerdì nella Sala Bramini della sezione milanese

14 ottobre 2019 - Venerdì alle 21 il Comitato scientifico culturale della Cai-Sem,  una sezione del Club Alpino Italiano a Milano, vi spiega come non farvi confondere dalle essenze profumate di montagna. Si chiama “Le confusioni pericolose” l'evento ospitato nella Sala Bramani della Sem, in piazza Coriolano. Un evento utile, perché si pone come obiettivo di scovare le differenze botaniche che permettono di riconoscere e evitare le piante assassine.

Quasi tutti sanno che bisogna stare attenti ai funghi. In pochi però usano la stessa prudenza di fronte a bacche, a fiori o a piante sconosciute che potrebbero rivelarsi pericolose. Ce lo insegnano i vari casi di cronaca che si registrano ogni anno. Improvvisarsi erboristi e raccogliere “erbette” senza una approfondita conoscenza della materia non è una buona idea. Così Tullia Rizzotti, botanica e divulgatrice scientifica, presenterà i più significativi casi di confusione tra piante innocue e essenze pericolose. L'esperta spiegherà dunque come evitare errori che possono avere conseguenze gravi quando si va a cercare piante in collina o montagna.
Valerio Castrignano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro