La raccolta degli scritti autobiografici di Bianca di Beaco nel libro 'Non sono un'alpinista'

Nella prima uscita della collana "Personaggi" del CAI, acquistabile nelle librerie specializzate dal 26 maggio, emerge la ricerca, da parte della scalatrice triestina degli anni '50, del rapporto con se stessa e con la società percorrendo le montagne.

La copertina del libro

22 maggio 2018 - La raccolta degli scritti autobiografici di Bianca Di Beaco, in cui emerge in maniera lampante la donna prima che l’alpinista, con il suo vissuto, i suoi sentimenti e la sua sensibilità. Questa la caratteristica del libro "Non sono un'alpinista", edito dal Club alpino italiano, in uscita nelle librerie specializzate il 26 maggio. I Soci CAI possono richiederlo, inoltre, presso la Sezione di appartenenza con lo sconto a loro riservato.

Scalatrice triestina degli anni '50, Bianca Di Beaco è scomparsa il 2 febbraio scorso all'età di 84 anni. E' stata la prima donna a superare il VI grado da capocordata in Dolomiti. "Io non sono un'alpinista, ma una vagabonda che cerca tregua e spazi di bellezza", amava dire.

Nel libro, curato da Gianbattista Magistris, emerge la costante ricerca, da parte della Di Beaco, di un approfondimento nel rapporto con se stessa e con la società percorrendo le montagne, da quelle di casa a quelle del mondo. In un pendolo costante tra serenità e tormento interiore, l'alpinista giuliana trova un centro di equilibrio nell'immedesimarsi con l'ambiente naturale e nel confronto con il contesto sociale, nel quale lotta come altre donne per affermare pari opportunità e riconoscimento nell'alpinismo dell'epoca.

"Non sono un'alpinista" sarà presentato sabato 26 maggio alle 18 a Trieste, nell'ambito dell'Assemblea nazionale dei Delegati del CAI (sala "Auditorium" del Centro Congressi Molo IV, Punto Franco Vecchio, Magazzino 1). L'incontro, aperto al pubblico, sarà introdotto dal Presidente generale Vincenzo Torti e dal curatore Gianbattista Magistris. A seguire Silvana Rovis e Bepi Pellegrinon si addentreranno nel volume, raccontando il personaggio.

Il libro rappresenta la prima uscita della nuova collana "Personaggi", edita interamente dal Club alpino, dedicata a donne e uomini, celebri e meno celebri, che hanno contribuito, fin dalla seconda metà dell'800, a scrivere la storia dell'alpinismo, della montagna e dello stesso CAI. Figure spesso distanti tra loro nel tempo, nello spazio, per cultura e posizione sociale, che tuttavia hanno condiviso la stessa passione e gli stessi ideali. Il secondo volume della collana, che uscirà il 13 ottobre, sarà un libro di Massimo Mila.

Comunicato Club alpino italiano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro