La montagna a occhi chiusi e la crescita dei più giovani al Trento Film Festival

Venerdì 27 aprile al Parco dei Mestieri Giuseppe Festa presenta il suo libro per ragazzi "Cento passi per volare", edito da Salani Editore e CAI. Un evento pensato per bambini e famiglie, con letture, racconti di vita, proiezioni video e canzoni.

La copertina di "Cento passi per volare"

23 aprile 2018 - Un viaggio a occhi chiusi alla scoperta della montagna e delle aquile, pensato per i ragazzi e le famiglie, all'insegna dell'amore per la natura, per gli animali e per gli insegnamenti utili alla crescita dei più giovani.

Vuole essere questo la presentazione del libro "Cento passi per volare" di Giuseppe Festa, in programma venerdì 27 aprile (inizio ore 16.30) al Parco dei Mestieri, il luogo che il Trento Film Festival dedica ai più giovani e alle scuole all'interno del Giardino dell'Arcivescovado (via San Giovanni Bosco, 1, Trento). Si tratta della prima uscita della collana di narrativa per ragazzi "I caprioli", edita da Salani Editore e dal Club alpino italiano.

L'autore milanese alternerà letture di passi del romanzo, racconti di vita dai quali ha preso ispirazione, proiezioni di video e canzoni, concentrandosi sui due protagonisti: l'aquilotto Zefiro, minacciato da due bracconieri, e il quattordicenne non vedente Lucio, grande amante delle terre alte, che frequenta con la zia.

La montagna descritta nel libro è quella vissuta in prima persona dai due personaggi, in particolare da Lucio, con l'obiettivo di far comprendere quanto sia ricco il mondo di chi non vede, così ricco da permettere di sventare, come narrato, il rapimento dell'aquilotto. Parimenti lo scrittore intende mostrare come la capacità di accettare le proprie fragilità sia un elemento necessario per crescere.

Per scrivere il suo romanzo Festa si è basato su esperienze della sua vita reale, come l'impegno nel volontariato anti bracconaggio, la conoscenza di volontari siciliani e quella, avvenuta nel Parco Nazionale d'Abruzzo, con un vero Lucio, anche lui non vedente.

All'evento, gratuito e aperto a tutti, parteciperanno gli alunni delle scuole medie cittadine con i loro insegnanti.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro