La Giornata dell'Albero

Organizzata dal CAI di Ragusa la manifestazione per concludere i festeggiamenti per il 150° si è svolta domenica 12 gennaio 2014

Gli alunni di Ragusa

Ottima partecipazione e grande adesione per la "Giornata dell'Albero" che si è svolta domenica 12 gennaio a Ragusa per concludere i festeggiamenti per il 150° anno della fondazione del Club Alpino Italiano. La sezione di Ragusa del Cai, in collaborazione con l'Azienda Foreste Demaniali, ha provveduto alla messa a dimora di centicinquanta piante di varie essenze.

Un evento simbolico per marcare la caratteristica strutturale e la natura del Club Alpino Italiano, che è la più antica associazione ambientalista italiana e quest'anno ha festeggiato i centocinquanta anni della fondazione, a dimostrazione che è un grande sodalizio con oltre 315 mila soci raggruppati in quattrocentonovantotto sezioni e duecentocinquantatrè sottosezioni. La sezione del Cai di Ragusa è da sempre impegnata, per la sua funzione sociale, a diffondere la cultura e la conoscenza del territorio, ad attivarsi per la sua difesa, la conservazione dell'integrità territoriale e favorire la fruibilità dei luoghi iblei che conservano particolari bellezze naturali, paesaggistiche, storiche, geologiche.

Da qui l'idea di celebrare la giornata dell'albero dandosi appuntamento al foro boario per poi spostarsi nell'area demaniale di contrada Prato per arrivare infine al rifugio Romitorio.
All'iniziativa hanno aderito anche numerosi studenti delle scuole elementari Battisti e Palazzello che assieme ai propri genitori hanno messo a dimora le piantine fornite dagli uomini della Guardia forestale e allocate in apposite buche preventivamente preparate. Un lavoro molto facile e poco faticoso, inteso come un momento di contatto con la natura e di protezione dell'ambiente, in difesa dei nostri luoghi e per promuovere l'integrità della bellezza paesaggistica della cava della Misericordia. Il tutto con l'entisiasmo dei giovanissimi "naturalisti" nella convinzione che la vicinanaza con il paesaggio e con le bellezze che ci circondano, possa far nascere e crescere in loro un sentimento di rispetto per se stessi e per la natura.

Insomma una vera e propria "festa" dedicata alla natura e all'educazione ambientale ma anche alla voglia di partecipare tutti insieme ad un'attività dal forte impatto educativo e contemporaneamente dal grande valore simbolico. La manifestazione è stata preceduta qualche giorno da un momento di presentazione in sede con la successiva proiezione del video "L'uomo che piantava gli alberi". In questo modo si è aperto l'anno sociale 2014 per il Cai.

Fonte: La Sicilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro