La 48^ Festa della Montagna dell'Unione Operaia Escursionisti Italiani a Faenza

Dal 6 all'8 novembre, tra gli ospiti, la campionessa di sci fondo e ciclismo Maria Canins e lo scalatore Simon Kherer, il giornalista e scrittore Alessandro Filippini, l’alpinista e scrittore Alessandro Gogna; a Faenza dal 6 all'8 novembre 2014

Alessandro Gogna

La passione per l’alpinismo e l’escursionismo, la natura, l’ambiente, lo sport: tutto questo è la “Festa della Montagna Uoei” che taglia il traguardo della quarantottesima edizione.
Nella cornice della sala “Zanelli” del centro fieristico, in viale Risorgimento a Faenza, il “viaggio tra le emozioni ad alta quota” sarà articolato su tre serate, tutte con inizio alle ore 21 e ingresso libero.
Il programma si aprirà giovedì 6 novembre con “Val Badia, il cuore delle Dolomiti”, immagini e colori di un paesaggio incantato, assieme a due testimonial straordinari.

Maria Canins, sportiva polivalente, ha saputo eccellere in diverse discipline. Nello sci di fondo ha conquistato 14 titoli italiani su diverse distanze. E’ stata la prima italiana a vincere la mitica Vasaloppet in Svezia e ha trionfato 10 volte alla Marcialonga di Fiemme e Fassa, 12 alla Maratona della Pusteria, 7 alla Dobbiaco-Cortina, 8 alla Maratona della Val Casies. Nel ciclismo su strada, ha vinto due Tour de France, un Giro d’Italia, due bronzi e altrettanti argenti individuali, un oro e un argento a squadre ai Mondiali. Con la mountain bike, ha ottenuto due titoli nazionali e due tappe di Coppa del Mondo.

Simon Kehrer, istruttore nazionale delle guide alpine, si dedica all’arrampicata nelle Dolomiti e in altre aree montuose del mondo sempre alla ricerca di vie nuove in stile alpino, allo sci alpinismo e alle salite su ghiaccio. E’ salito su 40 montagne oltre i 4000 metri. Ha partecipato a spedizioni in Cina (Sichuan), Pakistan (Chongra Nord e Nanga Parbat, 8126 mt.), Sud America (monte Ritacuba, Colombia) e Africa. E’ stato compagno di spedizioni di Karl Unterkircher che è scomparso durante la salita alla parete Rakhiot sul Nanga Parbat.
Il giorno successivo, venerdì 7 novembre, a 60 anni dal successo della spedizione italiana al K2 (8611 mt.), si ricorderà la prima salita alla seconda vetta della terra .

Nella conferenza “La lunga ombra del K2”, uno dei più noti comunicatori della montagna, Alessandro Filippini, illustrerà come andarono le cose e documenterà la personalità davvero unica di Walter Bonatti, fortissimo alpinista, grande esploratore e apprezzato giornalista e scrittore. Sarà proiettato in esclusiva il filmato di un incontro fra Bonatti e Reinhold Messner al Film festival di Trento. Filippini ha collaborato a diversi progetti culturali con Messner tra cui il libro “Walter Bonatti il fratello che non sapevo di avere”.

Laureato in Filosofia, giornalista professionista, Filippini si è sempre occupato di sport olimpici e alpinismo. E‘ autore della Grande Enciclopedia dell’Olimpiade (Motta Editore) e della voce Alpinismo per l’enciclopedia Treccani. Ha lavorato prima a “Tuttosport”, poi come vice caporedattore alla “Gazzetta dello Sport” dove ha creato il supplemento “Magazine” e nella sua evoluzione “SportWeek” ha concluso la carriera alla “Rosea”. Ha partecipato alla nascita del sito Gazzetta.it e ha curato la collana di DVD “Il grande alpinismo”.

Infine, sabato 8 novembre, nell’incontro “Alpinismo di ieri e di oggi” ritornerà a Faenza Alessandro Gogna, guida alpina, scalatore e scrittore di fama internazionale, autore di 500 prime ascensioni nelle Alpi, Appennini e altre catene montuose. Gogna, opinion maker sulla problematica turistico-ambientale della montagna, racconterà la sua esperienza umana e sportiva assieme a una panoramica sull’alpinismo e l’evoluzione degli ultimi 50 anni. E’ stato membro di spedizioni su Annapurna, Lhotse, El Capitan (California), K2 e di una ventina di trekking in Asia e Africa. Ha all’attivo 400 conferenze in Italia e all’estero. Autore di una cinquantina di libri, tra cui 8 monografie escursionistico-alpinistiche, ha scritto centinaia di articoli.

Direttore di K3 Photo Agency e Kappatre Comunicazione, editore (Edizioni Melograno), traduttore o revisore di libri di montagna, ha coordinato importanti iniziative ambientali. E’ stato fondatore, poi segretario e oggi garante di Mountain Wilderness.

Comunicato Festa della Montagna U.O.E.I.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro