Istituito il gruppo Cai a Pantelleria: ne fanno parte trenta volontari

Il primo nucleo lavorerà per armonizzare i sentieri dell'isola agli standard CAI, per procedere poi all'inserimento dei percorsi nel catasto nazionale e alla produzione della cartografia.

L'incontro dei giorni scorsi nell'isola

12 marzo 2019 - Il consigliere centrale CAI Maurizio Cattani, i giorni scorsi, è tornato per la seconda a Pantelleria per dare seguito al processo di creazione del gruppo CAI dell'isola. L'estate scorsa è iniziato il tutoraggio con il CAI di Petralia, che ha coinvolto tante persone mosse dal sentimento della natura e del paesaggio.

"Il Cai è un'importante risorsa per lo sviluppo delle attività di trekking – ha dichiarato il presidente del Parco Nazionale Pantelleria Salvatore Gabriele - Il proficuo gemellaggio fra il nostro Parco e quello delle Cinque Terre (di cui Cattani è delegato n.d.r.) consente lo scambio di professionisti e di mettere insieme le basi per una progettazione importante".

Obiettivo di questo nuovo incontro è stato quello di consentire al gruppo locale di lavorare in maniera autonoma. Fanno parte del primo nucleo del costituendo gruppo Cai di Pantelleria una trentina di volontari che riceveranno la tessera ufficiale per poter operare a pieno titolo sulla rete sentieristica dell'isola. La partecipazione è aperta a tutti coloro che ne vogliono fare parte, collaborando alle attività di miglioramento per la fruibilità del Parco.

Afredo Gattai, presidente della Struttura Operativa Sentieri e Cartografia del Cai centrale, ha evidenziato come in maniera spontanea, senza neanche conoscerle, siano state applicate le direttive Cai per le mappatura dei percorsi. Seguiranno ora dei ritocchi per procedere all'inserimento dei percorsi nel catasto nazionale del Cai e poi si produrrà la cartografia con tutti i percorsi escursionistici.

Parco Nazionale Pantelleria

Segnala questo articolo su:


Torna indietro