Incendi boschivi: per la TAM Abruzzo importante anticipare le situazioni ed essere sempre presenti ai tavoli dei decisori.

In ocassione del convegno "Fiamme d'Appennino" del 21 ottobre 2017 a Pescara è stata sottolineata con disappunto la notizia del potenziamento degli impianti di innevamento artificiale nell’Alto Sangro proprio nei giorni degli incendi.

Il convegno di Pescara

27 ottobre 2017 - Fiamme d’Appennino è stato il titolo del Convegno organizzato sabato 21 ottobre a Pescara, organizzato dalla Società Italiana di Scienze della Montagna, al quale hanno partecipato  il CAI Abruzzo TAM, il WWF, Legambiente, Italia Nostra ed altre importanti associazioni ambientaliste.

Sono stati toccati temi come le cause, la prevenzione e la lotta agi incendi; i criteri di innovazione nel panorama scientifico per la ricostruzione dei boschi incendiati; note storiche sui rimboschimenti in Abruzzo. Per la TAM CAI Abruzzo è intervenuta Alejandra Meda che ha sostenuto come sia importante riuscire ad anticipare le situazioni, a prevenire proposte di retroguardia ed essere sempre presenti ai tavoli dei decisori. Determinante sarà il ruolo dei Parchi e del Sistema delle Aree Protette.

Ha rimarcato come, proprio nei giorni dell’incendio, sia apparsa sugli organi di informazione la notizia del potenziamento degli impianti di innevamento artificiale nell’Alto Sangro, a dimostrazione  di come la montagna sia intesa come il luogo della neve costruita o il terreno per dispendiosi giochi, quali la dispendiosa zip-line di Pacentro.

Il CAI da sempre si adopera per l’Educazione Ambientale orientata alla sostenibilità, con i Gruppi Regionali, le Sezioni e le Commissioni, il CEA  “Gli aquilotti” del CAI Abruzzo. 

CAI Abruzzo

Segnala questo articolo su:


Torna indietro