In libreria "Frêney 1961. La tempesta sul Monte Bianco" di Marco Albino Ferrari con CAI e Ponte alle Grazie

La nuova uscita della collana di narrativa "Passi" racconta una delle vicende più drammatiche dell’alpinismo italiano, con Walter Bonatti protagonista. Una nuova edizione, foto e documenti inediti e una postfazione dell’autore.

La copertina del libro

26 settembre 2018 - Domani in libreria arriverà la nuova edizione di un bestseller della letteratura di montagna per la collana di letteratura Passi (coedita da Ponte alle Grazie e CAI), che si è imposta sugli amanti del genere. Frêney 1961. La tempesta sul Monte Bianco di Marco Albino Ferrari vede Walter Bonatti protagonista di una delle vicende più drammatiche dell’alpinismo italiano.

Questa nuova edizione contiene foto e documenti inediti e una nuova postfazione dell’autore.

IL LIBRO
Nel luglio del 1961 sette uomini – quattro francesi e tre italiani - partono alla conquista del pilone centrale del Frêney. Le previsioni, secondo radio Monteceneri, sono buone. Ma quando si trovano sul pilone rimangono intrappolati da una bufera che non accenna a perdere potenza: vento, neve, pioggia, ghiaccio. I sette alpinisti, guidati da Walter Bonatti e Pierre Mazeaud, sono costretti ad accamparsi su una cengia aspettando che il maltempo si plachi. L’acqua e i viveri finiscono, le forze svaniscono ma non è possibile scendere. I soccorsi non possono raggiungerli. Quando è chiaro che non è più possibile aspettare il bel tempo, Walter Bonatti decide di guidare gli uomini in una pericolosissima discesa e purtroppo non riuscirà a portare tutti in salvo.

L’AUTORE
Marco Albino Ferrari è nato a Milano nel 1956. Scrittore, sceneggiatore e giornalista, dirige il periodico Meridiani Montagne che ha fondato nel 2002. Tra i suoi libri ricordiamo: Il vuoto alle spalle (Corbaccio, 1999), La via del lupo (Laterza, 2014), La via incantata (Ponte alle Grazie, 2017). Ha inoltre vinto i premi: Gambrinus, Premio Majella, Premio Cortina, Giornalista dell’anno ANA, Pelmo d’Oro.

Red

Segnala questo articolo su:


Torna indietro