Il volo delle befane del CAI Lanciano

Le scalatrici e gli scalatori si sono calati dai 33 metri della Torre civica che sovrasta piazza del Plebiscito lanciando caramelle e dolciumi a tutti gli spettatori

Piazza del Plebiscito e la Torre civica

Si sono lanciate dal tetto della cattedrale sorvolando in acrobazia tutta piazza Plebiscito. Le befane del Cai, il Club alpino italiano, hanno tenuto grandi e piccini coi nasi all'insù, tutti a seguire il «volo» acrobatico di volontarie e volontari vestiti con i tipici abiti della vecchina e l'immancabile scopa. Durante la discesa le befane hanno lanciato caramelle e altre leccornie agli spettatori che gremivano la piazza, tante famiglie con i bambini in prima fila rapiti dal singolore spettacolo, che la sezione lancianese del Cai ha voluto organizzare nella scia dei 150 anni dalla nascita dell'associazione, celebrati lo scorso ottobre con una tre giorni di iniziative e arrampicate.

A rendere più spettacolare l'iniziativa, realizzata con il patrocinio dell'assessorato alla Cultura, è stata la discesa di due giovani Babbo Natale dal campanile della basilica. I due scalatori si sono calati dai circa 33 metri di altezza della Torre civica, bissando l'«impresa» dello scorso ottobre quando, sempre in due, si calarono con le funi dal punto più alto di Lanciano, i circa 60 metri del campanile della chiesa di Sant'Antonio. Passo dopo passo, lungo i mattoni della Torre civica, i due Babbo Natale sono arrivati con i piedi a terra in piazza Plebiscito, tra l'ammirazione dei presenti ai quali hanno distribuito i dolci. Per i grandi, invece, il Cai ha offerto vin brulè, pane e olio nuovo. Oltre allo spettacolo delle befane acrobatiche, al teatro Fenaroli, i lancianesi hanno potuto assistere al presepe vivente organizzato per il 27° anno dall'associazione Il Ponte.

La rappresentazione della natività, per la regia di Carmine Marino, quest'anno, era tratta dal racconto «In nome della Madre» dello scrittore Erri De Luca e accompagnata dagli interventi musicali creati e diretti da Dino Potenza

Fonte: Il Centro

Segnala questo articolo su:


Torna indietro