Il settembre del Cai Mestre tra premiazioni e l'esplorazione del Gruppo Nuvolau

Sarà dato da parenti e amici il Pelmo D'Oro 2019 per la Cultura Alpina all'autore Armando Scandellari.

26 agosto 2019 - Un inizio settembre ricco di eventi e idee per il Cai Mestre. Mentre il mese d'agosto e le ferie si stanno per concludere, la sezione veneta accompagna i soci nel ritorno alla quotidinità e al lavoro, continuando ad organizzare interessanti iniziative, che renderanno più interessante questa coda d'estate.

Venerdì 6 settembre dalle 16.30 alle 18.30 si terrà una vera festa per celebrare una importante figura per la montagna italiana. "Festeggiamo assieme Armando Scandellari" è il titolo dell'evento dedicato a un grande autore di libri sulla montagna e sulla cultura alpina  che si terrà a Spinea in Villa Althea. Sarà l’occasione per parenti, amici e conoscenti di consegnare nelle mani di Scandellari il premio Pelmo D'Oro 2019 per la Cultura Alpina.

Domenica 8 settembre invece il Cai propone due percorsi. Il primo è il giro del Gruppo dell’Averau-Nuvolau di difficoltà E, che rappresenta un interessante itinerario per ammirare le Dolomiti. Due i rifugi che incontreranno i partecipanti, il Nuvolau e l'Averau. In particolare il rifugio Nuvolau, nel comune di Cortina D'Ampezzo, è il più antico delle Dolomiti. Si trova sulla sommità del monte omonimo a 2575 metri di altutudine. Da qui si possono osservare le Cinque Torri, il Lagazuoi, la Marmolada, il Civetta, le Pale di San Martino, il Catinaccio, il Sassolungo, il Pelmo, il Sorapis e il Cristallo. Queste montagne custodiscono inoltre importanti tracce storiche, che ricordano le battaglie della Prima Guerra Mondiale.

Nello stesso giorno però si potrà scegliere anche un percorso più difficile sempre negli stessi territori della precendente, sul Gruppo Nuvolau. L'itinerario è un concatenamento di due ferrate, quella di Ra Gusela e quella dell’Averau. La prima ferrata è non presenta particolari difficoltà, alcuni tratti attrezzati, portano ad una cresta, da dove appare la cima del Monte Nuvolau. Da qui un altopiano dall'aspetto lunare porta alla seconda ferrata. Dalla base dello spigolo del  monte Nuvolau. Da qui superando un crinale attrezzato, si giunge alla vetta del Nuvolau e all’omonimo rifugio.

Le iscrizioni alle escursioni saranno raccolte dopodomani alla sede del Cai Mestre dalle 21 alle 22.30. Per il secondo giro attrezzatura da ferrata, imbrago e caschetto sono necessari. Per ulteriori informazioni: http://www.caimestre.it/wp-content/uploads/2019/08/Uscita-Nuvolau-Averau.pdf

Valerio Castrignano

Segnala questo articolo su:


Torna indietro