"Il giorno delle Mesules" di Ettore Castiglioni: una serata al CAI Bolzaneto

Martedì 30 gennaio 2018 verrà presentato il volume che raccoglie i passaggi più significativi della vita di Castiglioni: le avventure sulle Alpi e in Patagonia, per arrivare ai mesi bui del 1943, quando portò in salvo in Svizzera centinaia di profughi.

La locandina della serata

24 gennaio 2018 - Martedì 30 gennaio alle ore 21 nel Salone della Casa della Resistenza a Bolzaneto il CAI locale, con la partecipazione del direttore di Montagne360 Luca Calzolari, presenta "Il giorno delle Mesules" di Ettore Castiglioni. L'evento fa parte della Rassegna Culturale “L'uomo e la montagna” giunta alla 27a edizione.

Per circa quarant'anni i diari di Ettore Castiglioni sono rimasti ignoti al pubblico. Vennero editati nel 1993, raccogliendo dal vastissimo materiale manoscritto i passaggi più significativi, con le avventure vissute sulle Alpi, in Patagonia, o durante i mesi bui del 1943, quando l'autore si spese per condurre in salvo oltre il confine elvetico centinaia di profughi in fuga dalla guerra e dalle leggi razziali. La voce del grande alpinista ed esploratore milanese poté così rivivere in un volume, e il pubblico l'accolse riconoscendone la compostezza, il valore morale e la forza evocativa.

Un testo intimo e al contempo trascinante, avvincente, quasi Castiglioni pensasse a un futuro lettore. Per questo “Il giorno delle Mésules” occupa oggi un posto di primo piano sullo scaffale dei classici della montagna.
Le grandi "prime" sulle pareti dolomitiche, i ritratti dei "sestogradisti" più forti legati alla sua corda – Detassis, Bramani, Vinatzer, Boccalatte – le lunghe camminate solitarie su sentieri d'autunno, le notti al pianoforte, la medaglia conferitagli dal Duce e gli slanci di disprezzo per quel machismo spaccone e «delittuoso » incarnato dal Regime.

Fino all'attività clandestina che lo condurrà ai suoi ultimi misteriosi passi nella bufera, a 2500 metri. La presente edizione è arricchita dall'introduzione di Paolo Cognetti e dal racconto degli ultimi giorni di Castiglioni scritto dal curatore dei diari, Marco Albino Ferrari

CAI Bolzaneto

Segnala questo articolo su:


Torna indietro