Il CAI Vasto pubblica il programma delle attività 2014

"Il nostro impegno unisce le persone intorno a valori sani e puliti", ha dichiarato il neo Presidente Francesco Famiani

Attività sezionali con i giovani

Il Club Alpino Italiano è presente a Vasto dal 1981. In questi 32 anni la sezione è cresciuta non solo come numero di soci (oggi circa 300), ma si è affermata sempre più come una realtà dinamica in grado di animare la vita della città attraverso iniziative e proposte sia di tipo ricreativo escursionistico, sia di spessore storico-culturale.

Con il programma delle attività 2014 la Sezione propone una serie di attività escursionistiche e culturali che, pur prendendo spunto da temi ambientali, spaziano in ambiti diversi. Il nuovo presidente eletto Francesco Famiani così si esprime in merito all’incarico di cui è stato investito:

“E’ per me un grandissimo onore oggi rappresentare questa associazione e sono grato a tutti quelli che in misura diversa mi hanno consentito di avvicinarmi e realizzare un destino che mai avrei immaginato. Mi gratifica tantissimo il pensiero che il nostro impegno unisce le persone intorno a valori sani e puliti, fatti di solidarietà e condivisione e le fa vivere insieme in armonia. Nel CAI di Vasto sono presenti sette diverse specialità: escursionismo, alpinismo giovanile, arrampicata libera, sci di fondo-racchette, ciclo-escursionismo, apertura-manutenzione sentieri, micologia e 5 attività: gruppo astrofilo, trekking urbano, CoroCai, cinematografia, formazione. Nel corso di questo anno verranno inoltre costituiti nuovi gruppi: Comitato Scientifico e Culturale, Trial Running, Montagna Terapia. Infine verranno avviati alcuni progetti tematici incentrati sulla scuola e sulla valorizzazione del nostro territorio”.

Verranno svolte 100 attività, specialistiche e non, e 40 eventi culturali che proporranno temi diversi: dagli incontri con noti personaggi dell’alpinismo e dell’arrampicata alla pianificazione di un’escursione in montagna, dagli eventi metereologici alla sicurezza in ambiente montano con il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico, dal rischio idrogeologico nel nostro territorio all’educazione ambientale, dagli effetti del riscaldamento climatico sulla biodiversità alla trasformazione storica dell’ambiente in Abruzzo e nel Vastese, dalla nutrizione nella pratica del trekking all’uso di strumenti informatici nelle pratiche escursionistiche, dalle tradizioni culturali e religiose nelle terre alte alla guerra e resistenza sulla Majella e sulle Alpi, dalla rassegna cinematografica alla proiezione di meravigliose foto delle nostre montagne.

Ci saranno, inoltre, manifestazioni come la giornata ecologica, i concorsi fotografici e letterari, l’inaugurazione di nuovi sentieri e la prima edizione di Orienteering.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro