Il CAI Valfurva in montagna con i disabili

La Sezione ha portato i ragazzi dei Centri diurni dell'alta valle e di Handy Sport Livigno a oltre 2000 metri, tra il Rifugio Schiazzera e l'omonimo lago. Collaudata inoltre collaudato una nuova joelette elettrica con il Gruppo Tuttidappertutto.

Unm omento dell'iniziativa

22 luglio 2019 - Anche quest’anno la sezione CAI Valfurva ha organizzato la ormai tradizionale gita con i ragazzi dei vari Centri diurni per disabili dell’Alta Valle e Handy Sport Livigno, la meta di quest’anno è il Rifugio Schiazzera e i Laghi di Schiazzera.

Nel pomeriggio di giovedì dopo il trasferimento al Parcheggio lungo la strada che da Vervio porta al  Rifugio Schiazzera e una  escursione di un ora e mezza  raggiungiamo il Rifugio Schiazzera mt. 2079 in Val Salento,  ringraziando i gestori dell'Operazione Mato Grosso per l’accoglienza e la disponibilità che ci hanno offerto. Poi un po’ di musica con la fisarmonica di Carla fino a tarda sera.

Il venerdì mattina dopo la colazione partiamo per l'escursione, la meta sono i Laghi di Schiazzera mt. 2400  raggiunta da quasi tutti i ragazzi (molto bravi) seguendo le indicazioni degli accompagnatori. Con il Gruppo Tuttidappertutto abbiamo collaudato una nuova joelette elettrica per il trasporto di persone Diversamente Abili, poi il rietro al Rifugio Schiazzera dove all'arrivo sul tavolo abbiamo trovato una fumante polenta con carne e formaggi, accompagnati sempre dalla fisarmonica con canti e balli.  

Dopo aver salutato i gestori del  Rifugio Schiazzera dell' OMG il rientro con le auto con tappa a Grosio per assaggiare il gelato di Valentino, con l’arrivederci alle prossime uscite. 

Luciano Bertolina
CAI Valfurva

Segnala questo articolo su:


Torna indietro