Il Cai Reggio Emilia e Novellara sul Sentiero Partigiano di Cecciola e Succiso

Appuntamento il 25 aprile in alta Val d'Enza, nella zona di Succiso, su un tratto del Sentiero partigiano "del rifugio sotto l'Alpe". L'area vide importanti azioni di solidarietà montanara nei confronti dei partigiani durante la Resistenza.

Un tratto del percorso

12 aprile 2019 - Per festeggiare la Festa della Liberazione la Sezione reggiana del Cai e la Sottosezione di Novellara organizzano giovedì 25 aprile una escursione in alta Val d'Enza, nella zona di Succiso, su un tratto del Sentiero partigiano "del rifugio sotto l'Alpe".

L'itinerario si sviluppa in una zona particolarmente interessante dal punto di vista storico, paesaggistico e naturalistico, tra il suggestivo borgo di Cecciola e i paesi di Succiso inferiore, Succiso superiore e Succiso Nuovo, seguendo il sentiero Cai 609 e un tratto del Sentiero dei Ducati.

«La popolazione di Cecciola, assieme a quelle di Miscoso e Succiso - si legge nella bella pubblicazione "Sentieri Partigiani / Itinerari storico-escursionistici nell'Appennino reggiano", edita Istoreco - si contraddistingue per la solidarietà montanara portata ai resistenti. Sono numerose le testimonianze di aiuti e custodia di vettovaglie e rifornimenti per i partigiani».

E ancora: «Eccidio di Succiso. Tra il 24 e 25 novembre 1944 vengono soppressi e uccisi 5 partigiani e 1 civile. Il comandante del Distaccamento Amendola Federico Miselli "Rolando" di Sesso viene arrestato e poi ucciso a Ciano il 27 novembre. La zona attorno al paese, tra le più impervie e oggi tra le meno abitate dell'Appennino reggiano, ha ospitato con continuità, durante la guerra, formazioni e comandi partigiani, soprattutto della 144ª Brigata Garibaldi».

L'escursione si concluderà a Succiso Nuovo con una merenda montanara presso l'agriturismo della cooperativa di comunità "Valle dei Cavalieri", esperienza notissima in Italia e all'estero.

Molto interessante il percorso. Dopo aver attraversato l'antico borgo di Cecciola (779 m), tra i più significativi dell'Appennino reggiano, si imbocca il sentiero Cai 609, che porta a Succiso Inferiore (900 m circa). Tra le case del paese (per anni abbandonato dagli abitanti a causa di una frana, e ora di nuovoo abitato) si possono ammirare belle immagini votive di marmo bianco di Carrara. Si risale il sentiero 609 fino a Succiso superiore (970 m circa), con una bella visuale sull'alta valle dell'Enza e l'Alpe di Succiso. Si prosegue sul Sentiero dei Ducati in un ambiente suggestivo tra boschi, prati e affioramenti rocciosi fino a raggiungere la strada che dal Passo della Scalucchia porta a Succiso. Si segue la strada per un tratto fino ad arrivare a Succiso Nuovo (980 m) presso la Valle dei Cavalieri, dove si trova anche il Centro Visita del Parco Nazionale. E' previsto anche un breve incontro con i soci della cooperativa di comunità.

Info: www.caireggioemilia.it, www.cainovellara.wordpress.com

CAI Reggio Emilia

Segnala questo articolo su:


Torna indietro