Il Cai Nuoro riprende le escursioni dal Monte Ortobene, tra paesaggi, rocce e cultura

Cai Nuoro ha affidato la prima escursione al suo gruppo specialistico, gruppo senior “Ortobene”, costituito dai soci Cai ultra sessantenni

11 settembre 2020 - I paesaggi del monte Ortobene come teatro della prima escursione del CAI Nuoro dopo Covid. Nel rigoroso rispetto delle norme anti contagio, il gruppo degli escursionisti nel primo mattino del 10 settembre è partito dalla chiesetta della Solitudine. Il Cai Nuoro ha affidato la prima escursione al suo gruppo specialistico, gruppo senior “Ortobene”, costituito dai soci Cai ultra sessantenni. La ripresa per i mesi del dopo pandemia comprende circa cinquanta escursioni che coprono l'intero territorio della provincia, dalle falesie d Ogliastra sino a Bosa e ai monti del Montiferru e Monte Arci.

Guidati dai direttori Marcello Carta e Salvatore Sotgiu, il gruppo senior ha percorso i primi tornanti del Monte Ortobene, verso le domus di Borvore, tra il rio Seuna e Punta Mamudine. La cornice delle pietre della luna e le vecchie cave di granito ha accompagnato i camminatori Cai, tra il folto bosco di lecci e corbezzolo. Dopo la sosta alla grotta Passivale e funtana Sa Radichina gli escursionisti si sono affacciati a Monte Palas de Casteddu per rientrare sulla Funtana Caruledda.  Il gruppo del Cai Seniores, formalizzato in periodo di lockdown, ha presentato un nutrito programma di escursioni che nelle prossime settimane lo vedrà’ impegnato nel Supramonte di Orgosolo, sul Montalbo e
sulle rocce di Orotelli. “ Il programma seniores, dice il Presidente Cai Matteo Marteddu,
partecipante alla prima escursione, fa da apripista, con regole e saggezza antica, alle circa cinquanta escursioni del dopo Covid. Terremo rigorosamente le regole, ma in due mesi contiamo di percorrere larga parte del Sentiero Italia dal parco Tepilora sino al Gennargentu.” Il rientro degli escursionisti alla Solitudine ieri 10 settembre e’ stato accompagnato dalle prime piogge autunnali che non hanno scoraggiato uomini e donne del Cai.

Matteo Marteddu

Segnala questo articolo su:


Torna indietro