Il CAI di Arsita, dall’Abruzzo teramano all’Himalaya

Appuntamento il prossimo 8 marzo con una conferenza che racconta "storie di uomini, natura incontaminata ed esplorativa passata e moderna"

La Valle Nascosta

“La Valle Nascosta: da Arsita a Beding”. Questo è il titolo della conferenza promossa il prossimo 8 marzo dalla Sezione teramana del CAI, presso la palestra della scuola, e che vedrà come relatori Davide Peluzzi, la giornalista Evelina Frisa, il sindaco di Arsita Enzo Lucci e Paolo Trentini, responsabile medico della spedizione.

Ci troviamo a nord est di Kathmandu nella regione dell’Everest, con il suo complesso labirinto di catene montuose, sulla linea di confine tibetano un’interessante area di cime oltre i 6.000 metri ancora non salite. Rolwaling Mountain – le pareti nascoste di Bomdok. La Parola Rolwaling deriva dal tibetano e significa “Valle Profonda” o “Valle Incassata”, sacra valle dedicata al santo Buddhista Rimpoche. La forza della sua attrattiva è nelle atmosfere, nei panorami, nella varietà degli scorci e nel senso d’avventura che si può vivere, come inoltrandosi nei ghiacciai o salendo le vette.

C’è stata la risposta alla richiesta d’aiuto: “la Rolwaling sta morendo, il numero delle persone ogni anno si riduce sempre di più, per raggiungere Kathmandu o Singapore oppure la Cina e con l’abbandono dei territori anche la nostra millenaria cultura”. Explora Nunaat International ha firmato un accordo per intraprendere azioni strutturali e culturali per la rinascita della valle dove gli abitanti vivono di pastorizia e delle scarse produzioni agricole. Si auspica un percorso simile alla valle del Khumbu, un progetto ecosostenibile per migliorare le condizioni di vita degli abitanti. Per iniziare si vuole organizzare un Museo Scuola sulla Cultura e sapienza degli Sherpa ed una scuola d’Alpinismo per le nuove generazioni, trasferendo le conoscenze e promuovendo la divulgazione attraverso pubblicazioni di articoli9, libri, conferenze e video-documentari, condividendo attraverso le nuove tecnologie APP satellitari la “bellezza” dei luoghi e delle genti della valle “Nascosta”. Si guarda anche ai servizi primari e alla possibilità di produrre energia idroelettrica.

La conferenza di Davide Peluzzi ci racconterà questa singolare storia di uomini che vivono in una natura incontaminata.

 

Filippo Di Donato

Segnala questo articolo su:


Torna indietro