Il CAI Bologna piange Renato Chelli

L'improvvisa scomparsa è avvenuta lo scorso 6 settembre. Montagne360 di agosto 2015 aveva pubblicato un "diario di viaggio" di Renato relativo al trekking "Sui crinali della libertà".

Bologna: Renato (terzo da dx) davanti al Monumento dei partigiani.

Domenica 6 settembre è mancato improvvisamente Renato Chelli.  Persona sensibile e di una umanità straordinaria, Renato aveva partecipato con entusiasmo giovanile al trekking “Sui crinali della Libertà”, organizzato ad aprile 2015 dal CAI Bologna che, partendo da Vernio (PO) il 16 aprile si era concluso a Bologna il 21 aprile, per commemorare il 70° della Liberazione della città.

Di questo cammino, che si era snodato lungo il crinale tra il Reno e il Setta attraversando i territori di Castiglione dei Pepoli, Camugnano, Grizzana Morandi, Marzabotto, Sasso Marconi e Casalecchio di Reno, accolto ovunque dall'entusiasmo delle comunità locali, Renato ha lasciato toccante testimonianza in un “Diario di viaggio” che è stato integralmente pubblicato nel numero di agosto 2015 della nostra rivista “Montagne360”.

Il Presidente Mario Romiti, il Consiglio Direttivo e i soci della sezione “M. Fantin” di Bologna si stringono intorno alla famiglia e al figlio Marco, coordinatore del Gruppo territoriale CAI Medio Reno.

Vito Paticchia
CAI Bologna

Segnala questo articolo su:


Torna indietro