Il Cai alla riscoperta del tesoro delle conifere sull’appennino Tosco-emiliano

Un progetto scientifico sostenuto dal Club Alpino Italiano su una ricchezza del nostro paese

12 agosto 2019 - “Il tesoro nascosto delle conifere nell’appennino Tosco-Emiliano (RIFOREST)”, questo è il titolo del progetto, di durata biennale (2020-2021), proposto dal Comitato Scientifico Toscano, col sostegno del relativo Gruppo Regionale, ed inserito nella programmazione 2020 del Comitato Scientifico Centrale del CAI. Fondato sulle evidenze scientifiche accumulatesi negli anni, e solo parzialmente e brevemente documentate nella nota allegata, il progetto contribuirà a ridefinire il valore e il ruolo, attuale ed emergente, delle conifere dell’Appennino Tosco-emiliano, generalmente presenti in foreste miste di abete e faggio.
Sarà quindi arricchito il quadro conoscitivo in materia, anche avvalendosi di nuovi dati e sperimentazioni originali, alcune delle quali in corso presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche. Tutto questo, al fine di fornire agli operatori titolati del Cai, quali gli Operatori Naturalistici e Culturali (ONC), a tutti i Soci, e in generale ai frequentatori ed escursionisti della montagna, attraverso documentazione rigorosa ma accessibile, nuovi “occhi” con cui guardare questi preziosi alberi. E, forse, dare alla politica ulteriori e molto concrete motivazioni per perseguire la conservazione e l’espansione del migliore patrimonio forestale Italiano, attraverso una superiore comprensione dei relativi e straordinari servizi ecosistemici, attuali e potenziali. Anche perché, nonostante la particolare attenzione rivolta all’appennino Tosco-emiliano, i risultati del progetto assumeranno senz’altro una valenza molto più generale: per esempio, i contributi che le foreste di conifere possono offrire alla salute delle persone, sia per via alimentare (utilizzandone solo parti e quantità marginali) che per “immersione” nei relativi ambienti, restano validi dall’Abete delle Madonie, in Sicilia, alla Foresta di Tarvisio, in Friuli-Venezia Giulia.

In allegato il Pdf con la nota completa, il focus sul numero di conifere in Italia e l'approfondimento sulla cavitazione

Fonte: Francesco Meneguzzo*, Federica Zabini, Lorenzo Albanese
Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Bioeconomia, Via Madonna del Piano 10, Sesto Fiorentino (FI).
* Membro del Comitato Scientifico Toscano del CAI

 

Segnala questo articolo su:


Torna indietro