21 speleologi CAI Abruzzo formati sulla “Gestione degli errori nei rilievi tradizionali e tecnologici e topografia digitale”

L'aggiornamento per Sezionali di speleologia organizzato dalla Commissione speleo del Gr abruzzese ha previsto esperienza teorica e pratica sulle tecniche classiche di rilevo, sui nuovi strumenti, sulla cartografia digitale e sul rilevo 3D.

I partecipanti al corso

19 marzo 2018 - Nei giorni 10 e11 febbraio 2018 la Commissione Regionale Speleologia e Torrentismo del CAI Abruzzo ha svolto il corso di formazione e aggiornamento per Sezionali di Speleologia sul tema “Gestione degli errori nei rilievi tradizionali e tecnologici e topografia digitale”.

I 21 allievi provenienti sia dall’Abruzzo che da altre regioni, divisi in due gruppi, hanno fatto esperienza in grotta con le tecniche classiche di rilievo, analizzando le varie fonti di errore, e con i nuovi strumenti che integrano insieme distanziometro, clinometro e bussola.

Poi, presso il centro visite della Riserva Naturale Castel Cerreto a Penna Sant’Andrea (TE), si è fatta pratica con programmi di restituzione dei rilievi, lezioni sulla cartografia digitale e sulle nuove frontiere del rilievo 3D sia in grotta e in superficie, anche con l’impiego di droni.

Gian Luca Ricciardulli
Istruttore di Speleologia, direttore del Corso

Segnala questo articolo su:


Torna indietro