I rappresentanti del mondo alpininistico internazionale si riuniscono in Umbria

Appuntamento dal 2 al 5 amggio a Orvieto con l’Executive Board e il Management Committee dell’Uiaa

Un incontro dell'UIAA

Orvieto ospiterà dal 2 al 5 maggio prossimi l’Executive Board e il Management Committee dell’Uiaa, l’Associazione Internazionale delle Associazioni Alpinistiche che riunisce milioni di uomini, donne e giovani uniti dalla passione per la montagna.

A fare gli onori di casa il Presidente Generale, Umberto Martini, il Presidente del GR Umbria, Stefano Notari, il Presidente della Sezione di Terni, Claudio Costantini e i Delegati Cai nell’Uiaa, Pier Giorgio Oliveti e Lucia Foppoli.

Quando nell’agosto del 1932 a Chamonix si riunirono venti associazioni alpinistiche per  fondare l’Uiaa, pochi potevano immaginare il successo di questo organismo internazionale che ha cementato il rapporto tra alpinisti, divenendo a livello planetario il punto di riferimento non solo per i praticanti della montagna di ogni ordine e grado ma anche per i governi territoriali, le organizzazioni per la sicurezza, gli enti di ricerca sul campo, le imprese di produzione di materiali tecnici.

In sintesi la missione di questa grande famiglia di alpinisti è quella di favorire la crescita e la protezione dell’alpinismo e dell'arrampicata in tutto il mondo, di promuovere pratiche di montagna sicure ed etiche, di promuovere l'accesso responsabile, la cultura e la protezione dell'ambiente, di sostenere la partecipazione dei giovani anche attraverso le attività sportive olimpiche. 

L'attività dell’Uiaa – spiega Oliveti -   si concretizza oltre ad un’opera di coordinamento generale delle attività alpinistiche nei sei continenti,  attraverso il lavoro delle sue commissioni tecniche nei diversi settori, dalla sicurezza ai training standard in alpinismo, dallo studio della sicurezza ai materiali, dall’accesso agli ambiti montani alla protezione ambientale, dai giovani alla medicina di montagna. Un esempio concreto di pochi giorni fa è stato il comunicato tecnico dell’Uiaa a proposito della sicurezza di alcuni set da ferrata, a seguito di problemi riscontrati su alcuni materiali da parte della Commissione Sicurezza".

La UIAA Safety Commission lavora infatti a stretto contatto con l'industria per sviluppare standard e ridurre al minimo gli incidenti causati da guasti alle apparecchiature tecniche di sicurezza. Il marchio di sicurezza UIAA, fu introdotto come molti  ricorderanno nelle corde a partire dal 1960 e ora fissa gli standard per 20 diverse categorie di dispositivi di sicurezza, tra cui caschi, imbracature e ramponi.

Nella due giorni di Orvieto, i dirigenti dell’Associazione presieduta dall’olandese Frits Vrijlandt, affronteranno un’agenda ricca di argomenti, e riceveranno le relazioni dei presidenti delle Commissioni tecniche, alcuni dei quali in collegamento via Skype.

Saranno presenti tra gli altri il rappresentante Commissione Access & Expeditions, Clare Bond, il Presidente Commissione  Alpinismo, Pierre Humblet, il Rappresentante  del Gruppo Training Standard, Steve Long, Il Presidente Commissione Sicurezza, Dave Custer, il Rappresentante Commissione Ice Climbing, Urs Stoecker.

La prossima Assemblea Generale Uiaa si terrà in Svizzera, a Pontresina, il 6 Ottobre prossimo.

Segnala questo articolo su:


Torna indietro