I monti Lattari su OpenStreetMap

E' in corso la digitalizzazione e classificazione della rete sentieristica dei Monti Lattari da parte delle sezioni CAI di Castellammare di Stabia e Cava de Tirreni.

L'Alta Via dei Monti Lattari su OpenStreetMap

Al fine di rendere sempre più fruibili i sentieri della catena montuosa tra i golfi di Napoli e Salerno, tra cui il Sentiero degli Dei, la Valle delle Ferriere e Punta Campanella, oltreché l'Alta Via dei Monti Lattari, il Club Alpino Italiano, attraverso le sezioni di Castellammare di Stabia e Cava de Tirreni, ha deciso di rendere disponibili i dati gratuitamente sulla piattaforma OpenStreetMap (www.openstreetmap.org).

OpenStreetMap (OSM) è un progetto collaborativo finalizzato a creare mappe a contenuto libero del mondo. Il progetto punta ad una raccolta mondiale di dati geografici, la cui caratteristica fondamentale è che possiedono una licenza libera, la Open Database License. È cioè possibile utilizzarli liberamente per qualsiasi scopo (unico vincolo è citare la fonte e usare la stessa licenza per eventuali lavori derivati dai dati di OSM).

Tutti possono contribuire arricchendo o correggendo i dati. Per inserire i dati cartografici sulla piattaforma (più di 600Km di sentieri), è stato necessario adattare la scala delle difficoltà dei sentieri CAI alla scala delle difficoltà del Club Alpino Svizzero (SAC) utilizzata da OSM. Senza dimenticare i limiti intrinseci all'utilizzo di questa tecnologia e ricordando che anche a queste latitudini l'esperienza in montagna e la capacità di leggere il territorio sono fondamentali, gli escursionisti italiani e stranieri avranno quindi uno strumento in più per frequentare sempre più numerosi e con maggior sicurezza i nostri sentieri.

Anna Lisa Golvelli
CAI Campania

Segnala questo articolo su:


Torna indietro