Himalaya. Ai piedi dei Giganti

La rasssegna culturale di montagna è stata inaugurata il 01 marzo; si svolge a Bergamo in varie sedi, con due mostre fotografiche e una di fumetti, una serata a base di sapori etnici e altro ancora, tutto il programma ha uno scopo di beneficenza.

La locandina

Il Primo Marzo a Bergamo si è aperta la rassegna culturale dal titolo Himalaya. Ai piedi dei Giganti. (www.aipiedideigiganti.it), organizzata da Sabrina Menni e Fabio Arrigoni dell’agenzia Collective Comunications (www.thinkcollective.it). 

Una serie di eventi, che hanno avuto inizio il 1° Marzo alle ore 18.30 presso la Sala Viscontea dell’Orto Botanico Lorenzo Rota, con l’inaugurazione della mostra fotografica altaflora. Da 0 a 8’000 metri -un inedito nel suo genere su flora e paesaggi dell’area Himalayana, fotografati fino agli 8.000m e che si concluderà il 31 del mese con la chiusura della mostra Istanti d’Himalaya, visitabile presso la Biblioteca Caversazzi, dal 15 marzo.

Le fotografie, tutte della stessa autrice Patrizia Broggi (vice presidente dell’associazione di Varese Eco Himal Onlus), sono state scattate durante trekking e viaggi ai fini di volontariato, con lo scopo di portare aiuti negli isolati villaggi dell’area himalayana. Durante la serata ci sono stati inoltre due interventi di alto livello: uno con il professor Graziano Rossi, docente di Botanica Ambientale ed Applicata presso l’Università di Pavia e l’altro del biologo Dr. Alessandro Boesi, tra i maggiori esperti di cultura tibetana in Italia. A coordinare i relatori, il direttore dell’orto botanico Dr. Gabriele Rinaldi.

Domenica 23 Marzo, giornata piena di attività, si comincerà con una conferenza presso la Sala Galmozzi di Palazzo Caversazzi (via T. Tasso) alle ore 10.00. Il “benvenuto” all’iniziativa sarà dato dall’Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Claudia Sartirani. Poi inizieranno gli interventi da parte del Presidente dell’Associazione Comitato Ev-K2-CNR Agostino Da Polenza, del Direttore dell’Orto Botanico di Bergamo Dr. Gabriele Rinaldi, del Dr. Giancelso Agazzi a rappresentanza del CAI di Bergamo e del giornalista piemontese Roberto Mantovani che introdurrà l’ospite d’onore, la scrittrice Maria Antonia (Tona) Sironi.

L’opportunità dell’incontro è data dall’uscita della seconda ristampa del suo ultimo libro, La Principessa di Gungtang, edito da Alpine Studio, Lecco, ma sarà l’occasione per raccontare le esperienze inedite e ardite della grande scrittrice e scalatrice che spesso ha accompagnato il marito Kurt Diemberger nelle sue mirabili imprese verso la vetta degli 8.000 metri. Presidente lei stessa di Eco Himal Onlus, racconterà dei progetti umanitari in atto nelle zone di Tibet e Nepal ma proseguirà la conferenza l’Antropologa e Tibetologa Hildegard Diemberger, con un intervento via Skype dall’Università di Cambridge, dove insegna. Il suo contributo darà spiegazioni in merito al ritrovamento di un antico testo tibetano a Gungtang, per l’appunto, dal quale è nata la narrazione di Maria Antonia Sironi.
Ritroveremo poi la scrittrice, insieme allo scalatore Kurt Diemberger, nel pomeriggio presso la libreria IBS, di via XX Settembre a Bergamo (ore 16.00) dove racconterà “i retroscena” della stesura del suo libro: ciò che l’ha spinta a narrare questa storia e la verità che si cela dietro la fantasia del romanzo. L’alpinista presenterà a sua volta la recente pubblicazione “Il Settimo Senso”, sempre edito da Alpine Studio. Un’analisi a posteriori della sua vita, una “meditazione” su ciò che gli ha permesso di ritornare vivo da tante spedizioni, tra Groenlandia e K2.

La via XX Settembre sarà animata dalle ore 15.00, presso lo spazio Corte 105 (proprio di fronte a IBS) con il WORKSHOP Preghiere nel vento dove ciascuno potrà stampare da sé la propria preghiera su stoffa e portarla a casa con un piccolo contributo volontario, a scopo benefico. Le matrici delle preghiere, originali e in lingua tibetana arriveranno direttamente dal Tibet, via Inghilterra, per la prima volta e in anteprima assoluta a Bergamo. Occasione più unica che rara per avere la propria bandiera di preghiera stampata.
Lo stand delle bandiere si terrà presso uno spazio già allestito con una mostra tutta dedicata ai fumetti, Fumetti d’alta quota, che hanno per tematica la montagna a trecentosessanta gradi: da Mysterius dell’albo Comics & Science di Leo Ortolani, realizzato per il CNR, a Milo Manara con L’ Uomo delle Nevi, al giapponese Jiro Taniguchi La vetta degli Dei e molti altri.

La giornata del 23 si concluderà poi con Sapori Aromi e Racconti dall’ Himalaya. Cena etnica raccontata che avrà inizio alle ore 19.00 presso il Palamonti, storica sede del Cai. (Prenotazioni su www.aipiedideigiganti.it). Solamente la cena consiste già in un mini evento: presentazione dei progetti di Eco Himal in essere, proiezioni di immagini di paesaggi “fuori dal tempo” e dal “nostro mondo”, musiche himalayane e campane tibetane verranno suonate durante la cena. Ogni piatto sarà accompagnato da spiegazioni dei prodotti tipici di quelle terre lontane e lo staff, completamente nepalese, porterà allegria con i colori dei vestiti tipici. Uno spazio verrà dedicato all’interno della sala per la messa in mostra di manufatti tipici himalayani, “ottenibili” con una libera offerta. La lettura di scritti di Maria Antonia Sironi farà da corollario alla serata. Presenza rilevante al Palamonti sarà quella di Kurt Diemeberg, pronto a raccontare le sue esperienze uniche agli amanti delle montagne

Si tratterà di un evento fruibile da tutti: dagli amanti della fotografia ai cultori delle scienze. Per la giornata di Sabato 15 è’ già in programma una gita scolastica dell’Istituto Superiore ISIS “Newton” di Varese, presso l’Orto Botanico, nella mattinata. Invece nel pomeriggio si inaugurerà la mostra fotografica Istanti d’Himalaya della fotografa Patrizia Broggi. Immagini che verranno corredate dal materiale divulgativo medico scientifico della Dottoressa Annaluisa Cogo, docente presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico SpecialisticheUniversità di Ferrara, autrice di studi e ricerche sull’inquinamento sprigionato dai sistemi di riscaldamento nelle abitazioni delle popolazioni di alta quota. E, per i più piccini, in anteprima le immagini del prossimo libro illustrato di Tona Sironi, sulle Favole Tibetane.

Non mancherà la parte ludica: fumetti, musica e la stampa autodidatta delle bandiere si assoceranno alle immagini inedite di filmati autentici e irripetibili delle spedizioni, a cui ha partecipato Maria Antonia Sironi che le condividerà con il suo pubblico, mentre libri antichi e strumenti musicali saranno in esposizione presso la Sala Viscontea per gli appassionati di antichità.

Insomma, un evento per tutti i gusti, adatto agli “esperti della materia” come ai semplici curiosi, ai turisti culturali, a tutti quelli che condividono le tematiche di solidarietà. Non mancano gli sponsor alla manifestazione, come La Cooperativa Sociale Il Circolino di Città Alta, che è stata location di “cene scientifiche”, in cui i ricercatori si sono scambiai, in modo conviviale, i risultati delle ricerche.

Tutto l’evento è prodotto a scopo benefico.

Sabrina Menni

Segnala questo articolo su:


Torna indietro